Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

sabato 4 giugno 2016

Il massacro di Tienanmen a WikiRadio Oggi

(Foto Jeff Widener, Associated Press)

Questa è di sicuro una delle foto più famose della storia: "Il Rivoltoso Sconosciuto di Piazza Tienanmen".
Piazza Tienanmen, la piazza di Pechino occupata dal 15 aprile al 4 giugno 1989, è il simbolo della protesta contro il Regime e della feroce repressione. 

ll 15 aprile 1989, Hu Yaobang, Segretario generale del Partito Comunista di Cina, morì per un arresto cardiaco. La protesta ebbe inizio in modo relativamente pacato, nascendo dal cordoglio nei confronti del politico, popolare tra i riformisti, e dalla richiesta al Partito di prendere una posizione ufficiale nei suoi confronti. La protesta divenne via via più intensa dopo le notizie dei primi scontri tra manifestanti e polizia. Gli studenti si convinsero allora che i mass media cinesi stessero distorcendo la natura delle loro azioni, che erano solamente volte a supportare la figura di Hu. Il 22 aprile, giorno dei funerali, gli studenti scesero in piazza Tienanmen, nella città di Pechino, chiedendo di incontrare il Primo ministro Li Peng. La leadership comunista e i media ufficiali ignorarono la protesta e per questo gli studenti proclamarono uno sciopero generale all'Università di Pechino. All'interno del PCC Zhao Ziyang, Segretario generale del Partito, era favorevole a un'opposizione moderata e non violenta nei confronti della manifestazione, riportando il dibattito suscitato dagli studenti in ambiti istituzionali. Favorevole alla linea dura era invece Li Peng, primo ministro, convinto che i manifestanti fossero manipolati da potenze straniere.


« La sera del 3 giugno ero nel cortile di casa insieme ai miei familiari quando udii una fitta sparatoria. La tragedia che avrebbe sconvolto il mondo stava iniziando. » (Zhao Ziyang, da Prisoner of the State: The Secret Journal of Premier Zhao Ziyang)

La violenta repressione causò la morte di centinaia di persone (non ci sono numeri ufficiali, ma si parla anche di oltre 2500) e il ferimento di più di 7000.

Ne parlerà WikiRadio Oggi domenica 5 giugno alle 11:30.

Nessun commento:

Posta un commento