giovedì 30 luglio 2020

Auguri, Franca! Radio Il Discobolo celebra i 100 anni di Franca Valeri



Domani, 31 luglio, Franca Valeri compie 100 anni. 

Anche noi di Radio Il Discobolo celebriamo il compleanno della grandissima attrice milanese. Lo speciale è a cura di Marco Altimani. 

Vi proporremo anche una commedia da lei interpretata nel 1973, "La Maria Brasca", di Giovanni Testori. 

L'omaggio andrà in onda domani mattina alle 9:30.

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

mercoledì 29 luglio 2020

Le finaliste del Premio Bianca d'Aponte 2020



AVERSA- Sono undici le cantautrici che si contenderanno la vittoria al 16o “Premio Bianca d'Aponte”, il concorso riservato alla canzone d’autrice diventato ormai un punto fermo nel panorama italiano della musica di qualità. Quantomai composito quest’anno il novero delle concorrenti dal punto di vista stilistico, con proposte che spaziano dalle più innovative a quelle più classiche.

Le finaliste sono:

BamBi da Napoli;

Simona Boo da Termoli (Campobasso);

Ebbanesis da Napoli;

La Mante da Piovene Rocchette (Vicenza);

La Zero da Piano di Sorrento (Napoli);

Lucrezia da Bologna;

Miglio da Brescia;

Elena Romano da Firenze;

Sara Romano da Monreale (Palermo);

Veronica da Aversa (Caserta);

Chiara White da Firenze.

Le finali sono previste al teatro Cimarosa di Aversa il 23 e 24 ottobre, con la direzione artistica di Ferruccio Spinetti.

Due saranno i premi principali. Uno è il premio assoluto, il Premio Bianca d’Aponte (che prevede una borsa di studio di 1.000 euro), l’altro è il premio della critica, intitolato a Fausto Mesolella, storico direttore artistico della manifestazione (la cui borsa di studio sarà di 800 euro). Riconoscimenti della giuria andranno anche alla migliore interpretazione, al miglior testo ed alla migliore musica. Sono poi previsti vari altri premi assegnati da singoli membri della giuria o da enti e associazioni vicini al d’Aponte.

Nelle due serate di Aversa saliranno sul palco anche importanti ospiti. Tra quelli già confermati, due band di culto della scena musicale italiana, gli ‘A 67 e i Têtes de Bois, mentre il fondamentale ruolo di madrina sarà ricoperto da una artista di grande popolarità come Arisa, che presiederà la giuria e canterà (e inciderà) un brano di Bianca d’Aponte, la cantautrice a cui la manifestazione è dedicata.


Le dieci finaliste sono state come sempre selezionate in un mese e mezzo di lavoro del Comitato di Garanzia del Premio, formato da ben 75 addetti ai lavori. Si tratta di produttori, discografici, manager, cantanti. autori, musicisti, giornalisti tra i più importanti nel mondo musicale italiano Ecco l’elenco: Giuseppe Anastasi (cantautore), Roberta Balzotti (Tgr RAI), Giuseppe Barbera (musicista e compositore), Fabrizio Basso (SkyTg24), Tony Bungaro (cantautore), Lino Cannavacciuolo (musicista e compositore), Rossana Casale (cantautrice), Valentina Casalena Parodi (Premio Andrea Parodi), Giulia Cavaliere (Corriere della sera), Marco Cavalieri (Romasuona.it), Mimì Ciaramella (musicista e compositore), Angiola Codacci Pisanelli (L’Espresso), Enrica Corsi (Premio Bindi), Valerio Corzani (Rai Radio 3), Stefano Crippa (Il Manifesto), Giorgiana Cristalli (Ansa), Paola Cuniberti (manager), Alfredo D’Agnese (D La Repubblica delle donne), Enrico de Angelis (giornalista e storico della canzone), Mauro De Cillis (Rai Isoradio), Max De Tomassi (Rai Radio 1), Sergio Delle Cese (booking Antenna Music Factory), Giuliano Delli Paoli (Ondarock.it), Luca Del Muratore (Locusta booking), Cristina Donà (cantautrice), Salvatore Esposito (Blogfoolk), Piero Fabrizi (musicista e produttore), Gigi Fasanella (Maciste dischi), Isabella Fava (Donna Moderna), Cinzia Fiorato (Tg1), Angelo Franchi (discografico), Enrico Gabrielli (compositore e arrangiatore), Angela Garofalo (Cronache di Caserta e Napoli), Massimo Germini (musicista e compositore), Mauro Ermanno Giovanardi (cantautore), Gianluca Giusti (musicista e manager), Nicola Iuppariello (DiscoDays), Kaballà (cantautore), Saverio Lanza (musicista e produttore), Elena Ledda (cantautrice), Petra Magoni (cantautrice), Elisabetta Malantrucco (RadioRai), Nino Marchesano (La Repubblica Napoli), Cinzia Marongiu (Tiscali), Carlo Marrale (cantautore), Bruno Marro (cantautore), Alberto Menenti (autore), Andrea Mirò (cantautrice), Michele Monina (critico musicale), Mariella Nava (cantautrice), Martina Neri (Leavemusic), Francesco Paracchini (lisolachenoncera.it), Paolo Pasi (Tg3), Duccio Pasqua (RaiRadio1), Diego Paura (Il Roma), Fausto Pellegrini (Rainews24), Timisoara Pinto (RaiRadio1), Alessia Pistolini (giornalista), Massimo Poggini (Spettakolo.it), Antonio Ranalli (Musicalnews), Alfredo Rapetti Mogol (paroliere), Gianfranco Reverberi (musicista e compositore), Paolo Romani (responsabile promozione), Ivan Rufo (Festival Botteghe d’Autore), Giordano Sangiorgi (patron del MEI), Brunella Selo (cantautrice), Marcella Sullo (Gr Rai), Paolo Talanca (critico musicale), Tiziana Tosca Donati (cantautrice), Roberto Trinci (Sony Publishing), Ilaria Urbani (Repubblica Napoli), Fausta Vetere (cantautrice), John Vignola (RaiRadio1), Franco Zanetti (direttore rockol.it), Matteo Zanobini (Picicca management), Dario Zigiotto (operatore culturale).



Per ulteriori informazioni: 336 694666 – 335 5383937; info@biancadaponte.it - info@premiobiancadaponte.it











martedì 28 luglio 2020

Torna il Premio Bindi: ecco i dieci finalisti



SANTA MARGHERITA LIGURE- Torna il Premio Bindi a Santa Margherita Ligure (Genova), programmato dal 2 al 4 settembre, con in apertura un evento in streaming e poi due giornate di musica dal vivo. Quella di chiusura sarà dedicata al contest per cantautori emergenti, da sempre cuore della manifestazione, che vedrà in lizza Blindur, Martin Basile, ChiaraBlue, Fabrizio Ganugi, Luca Guidi, Incubo, Paolo Rig8 e Senna.

La sedicesima edizione del prestigioso festival di canzone d’autore intitolato a Umberto Bindi era inizialmente prevista all’inizio di luglio, ma le conseguenze dell’emergenza sanitaria hanno imposto lo slittamento di due mesi.

Dopo l’evento on line del 2 settembre, le giornate di giovedì 3 e venerdì 4 saranno interamente dal vivo nell’anfiteatro dei giardini a mare della cittadina ligure, intitolato anch’esso all’indimenticato cantautore genovese. Nella giornata conclusiva i finalisti, selezionati dal direttore artistico Zibba, si confronteranno di fronte ad una prestigiosa giuria composta da musicisti, giornalisti e addetti ai lavori. Due le esibizioni: una al pomeriggio e una alla sera.

Caratteristica del Premio Bindi è infatti quella di non premiare una singola canzone ma l'artista nel suo complesso, dal momento che tutti i finalisti avranno modo di eseguire tra pomeriggio e sera ben quattro canzoni, tre proprie e una cover.

Il 1° classificato riceverà la targa “Premio Bindi 2020” e una borsa di studio in denaro. Potrà inoltre, di diritto, partecipare al Premio dei Premi nell’ambito del Mei di Faenza. Saranno poi assegnate la Targa “Giorgio Calabrese” al miglior autore, in collaborazione con Inri e Metatron, e la Targa Quirici al miglior arrangiamento.

Il sindaco di Santa Margherita Ligure ha dichiarato: “Ringrazio gli organizzatori del Premio Bindi per la disponibilità e la passione che mettono nel portare avanti un evento che è diventato molto di più di un appuntamento fisso nella programmazione cittadina. È un punto fermo del panorama musicale cantautorale italiano e siamo lieti di essere riusciti a confermare nonostante le difficoltà legate all'emergenza che abbiamo vissuto e in parte stiamo ancora vivendo”.


La realizzazione di questa sedicesima edizione, quasi interamente con le consuete modalità, vuole essere un segnale forte di ripartenza che la Regione Liguria ed il Comune di Santa Margherita Ligure hanno voluto dare ad un settore, quello della musica dal vivo, particolarmente provato dalla recente crisi pandemica.

Ancora più significativo è, in questa circostanza, la conferma quale Main Partner della manifestazione di SIAE, che intende in questo modo sostenere fattivamente la creatività giovanile. Di grande importanza anche la partecipazione degli altri partner: Unipol Assicurazioni, Storti strumenti musicali, Targa Quirici, NuovoImaie, Spettakolo.it. INRI e Metatron.


Per maggiori informazioni:

Associazione Culturale Le Muse Novae – Tel 0185-311603 – info@premiobindi.com

"Voci per la libertà", dal 31 luglio al 2 agosto



Tre serate in cui la musica si incrocerà con le tematiche sui diritti umani: succederà a Rosolina mare (Rovigo) dal 31 luglio al 2 agosto nel festival “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty”. Protagonisti saranno Niccolò Fabi (che riceverà il Premio Amnesty nella sezione Big), Marina Rei, Margherita Vicario e la satira di Lercio, ma anche le semifinali e la finale del Premio Amnesty nella sezione emergenti, per le migliori canzoni sui diritti umani

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito: https://www.eventbrite.it/o/voci-per-la-liberta-30579724078

La tre giorni verrà trasmessa in diretta video sulla pagina Facebook del festival (www.facebook.com/vocixlaliberta) e la serata di domenica anche su Delta Radio (www.deltaradio.it).


Sarà l’arena di Piazzale Europa a Rosolina Mare a ospitare la manifestazione, giunta alla 23a edizione. Nella prima serata in veste di ospite ci sarà la giovane e ormai affermata Margherita Vicario, mentre per il contest saranno in lizza H.E.R. da Roma con “Il mondo non cambia mai” , Adriana Iè da Verona con “Bumaye”, i Nuju da Reggio Emilia con “La nostra sicurezza”, Micaela Tempesta da Napoli con “4M3N”.

Sabato 1 agosto sarà la volta di un nome affermato della musica italiana come Marina Rei, che chiuderà la serata dopo la seconda semifinale del contest in cui si confronteranno Mattia Bonetti da Fosdinovo (Massa Carrara) con “Exarchia”, gli Ennesimo Piano B da Potenza con “Ultima stagione”, Assia Fiorillo da Napoli con “Io sono te”, Agnese Valle da Roma con “La terra sbatte”. 

Ma nelle serate di venerdì e sabato ci sarà spazio infatti anche per gli interventi di Lercio Live, lo spettacolo ideato e scritto dal famoso sito satirico italiano.

Quella di domenica 2 agosto sarà la serata in cui si assegneranno i due Premi Amnesty: quello per i big a Niccolò Fabi per il brano “Io sono l’altro”, contenuto nell’album “Tradizione e tradimento”, e quello per gli emergenti al vincitore della finale del contest, che vedrà in gara cinque artisti selezionati fra gli otto che hanno preso parte alle due semifinali.

Nel pomeriggio alle 18 Fabi e il presidente di Amnesty International Italia Emanuele Russo incontreranno pubblico e giornalisti nell’attiguo Centro congressi.

A condurre le tre serate saranno gli storici presentatori Savino Zaba e Carmen Formenton, mentre, come già lo scorso anno, lo slogan di Amnesty International Italia sarà “Sui diritti non si torna indietro”, per ribadire la centralità dell'impegno in favore dei diritti di tutte e di tutti. Durante le serate del festival si potranno sottoscrivere questi appelli: “Il sesso senza consenso è stupro!”, “Fermiamo la detenzione e la tortura di rifugiati e migranti in Libia”, “Libertà per Patrick Zaki”, “Verità per Giulio Regeni”.



La giuria, tra semifinali e finali, sarà formata da: Giò Alajmo – Spettakolo, Marco Cavalieri – Radio Elettrica, Francesca Cesarotti - Amnesty Italia, Francesca Corbo – Amnesty Italia, Silvia D'Onghia – Il Fatto quotidiano, Massimo Della Pelle – Rete dei Festival, Enrico Deregibus – giornalista, Michele Lionello – Voci per la Libertà, Ivan Malfatto – Il Gazzettino, Gianluca Mura – Radio41, Angelo Pangrazio – Tgr Veneto, Francesco Pozzato – Voci per la Libertà, Silva Rotelli – Inalienabile, Emanuele Russo – Amnesty Italia, Adila Salah - Indieffusione/Noise Symphony, Giordano Sangiorgi – Mei Meeting Etichette Indipendenti, Emanuele Scatarzi – Viva La radio! Network, Andrea Sesta – Lercio, Francesco Tragni– Radio Popolare.

Al vincitore assoluto andrà anche un bonus offerto da Noise Symphony Music e Indieffusione che prevede la distribuzione e la promozione di un singolo. Verranno poi assegnati un premio della critica, uno del pubblico e il premio “Il migliore per noi” di Viva La Radio! Network, con passaggi radiofonici per tre mesi.

Tutti gli aggiornamenti su: www.vociperlaliberta.it



Un’iniziativa di:
Associazione Voci per la Libertà, Amnesty International Italia, Arte per la Libertà, Comune di Rosolina.

Con il contributo di:
CGIL Rovigo, CISL Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando “Eventi culturali”.

Partner tecnici:
ARS audio & light, Idee Grafiche, Press4All, Mei - Meeting degli Indipendenti, OPS Group, Rete dei Festival, Studioartax, Musplan, Pro Loco Rosolina.

Media partner:
FunnyVegan, ViaVaiNet, Collettiva, Noise Symphony, Indieffusione, REMweb.

Radio partner:
Radio Popolare, Radio 41, Delta Radio, consulenzaradiofonica.com , Fare Radio, Atom Radio, Il discobolo, IwebRadio, Kristall Radio, Nuova Radio 1485, Oradio.it, Radio Arcade 24, Radio Atlanta, Radio Bellissima, Radio Bla Bla network, Radio Città Benevento, Radio Diva, Radio Eco Sud, Radio Elettrica, Radio Flyweb, Radio Garda, Radio Hemimgway, Radio Incontro Terni, Radio Internazionale, Radio Italia Uno Adelaide, Radio Jtj, Radio L'Olgiata, Radio Mach5, Radio Marconi, Radio Olbia Web, Radio Pico, Radio Prima Rete, Radio Ragusa, Radio Rap Italia, Radio Sanremo, Radio Sardinia, Radio Sette Asiago, Radiosettenote, Radio stereo 5, RadioTsunami, Rt Radio Terapia, Studio 54 Network, Studio2, Studio Emme Network, Studio Tre Radio, Studio Uno Abruzzo, UnicaRadio, Viva La Radio! Network, Webradio 63, Webradio Dnor.

lunedì 27 luglio 2020

Sanremo, ritorna "Zazzarazzaz" con tre imperdibili appuntamenti



SANREMO- Ritorna Zazzarazzaz, il Festival della Canzone jazzata, giunto quest'anno alla sua 21° edizione e organizzato da Freddy Colt con il Comune di Sanremo. 

Il Festival 2020 si svolgerà in tre serate non consecutive: il 7, il 17 e il 21 agosto a Villa Osmond, alle 21:30. Ci sarà una Orchestra stabile dello swing di Sanremo e a introdurre le serate saranno Max Carja e Roberto Berlini.

Per partecipare sarà necessaria la prenotazione, i cui dettagli verranno forniti prossimamente. 

Gli ascoltatori di Radio Il Discobolo potranno, come sempre, ascoltare le serate nei giorni successivi, perché noi saremo a registrarle. 


Continuate a seguirci!

Zazzarazzaz su Facebook.

Nel frattempo, grazie ai nostri podcast, potete riascoltare le edizioni degli anni scorsi: www.ildiscobolo.net/podcast




giovedì 23 luglio 2020

Premio Andrea Parodi, i finalisti.



Abbraccia tutti i colori della world music il gruppo dei finalisti del Premio Andrea Parodi 2020, l’unico contest europeo dedicato appunto alla “musica del mondo”. 

La Fondazione Andrea Parodi, organizzatrice dell’evento, ha comunicato i nomi dei dieci artisti che saranno in gara nella 13a edizione del concorso. Sono:
Alessio Arena (Campania/Catalogna) con il brano “Los niños que vuelan”, in spagnolo e napoletano;
Ars Nova Napoli (Campania) con “Canzone della vela“, in napoletano;
Eleonora Bordonaro (Sicilia) con “I Dijevu di Vurchean”, in gallo italico, siciliano e brasiliano;
Elena D`Ascenzo (Abruzzo) con “Nennella”, in fontanaro;
Kalascima (Salento) con “Ballamundi”, in salentino e inglese;
Abramo Laye Senè & Gaalgui World Music Band (Senegal/Sicilia) con “Diamono”, in griot e spagnolo;
Maria Mazzotta (Salento) con “Nu me lassare”, in salentino;
Danilo Ruggero (Sicilia) con “Li malivuci”, in siciliano pantesco;
Stefania Secci Rosa e Bruno Chaveiro (Sardegna) con “Macca”, in sardo;
Still Life (Catalogna) con “Tempo”, in portoghese.

La manifestazione, che è aperta ad artisti di ogni nazione, è nata per omaggiare un grande artista come Andrea Parodi, passato dal pop d'autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e di rielaborazione delle radici, grazie al quale è diventato un riferimento internazionale della world music, collaborando anche con artisti come Al Di Meola e Noa. Fra l’altro i finalisti del contest dovranno eseguire anche un suo brano, scelto insieme all’organizzazione.



Le finali del Premio, che si avvale della direzione artistica di Elena Ledda, si terranno dall’8 al 10 ottobre a Cagliari, quando i finalisti si esibiranno davanti a una Giuria tecnica (formata da addetti ai lavori, autori, musicisti, poeti, scrittori e cantautori) e a una Giuria critica (giornalisti). Entrambe le giurie, come negli scorsi anni, saranno composte da autorevoli esponenti del settore ed assegneranno due diversi riconoscimenti.
Come sempre, ad alternarsi con i concorrenti, saliranno sul palco artisti italiani e internazionali di grande rilievo, che saranno annunciati prossimamente.

Partner della manifestazione sono, oltre ai festival succitati: Jazzino, Premio Bianca d'Aponte, Premio Loano per la Musica Tradizionale Italiana, Mare e Miniere, Mo'l'estate Spirit Festival, Fondazione Barùmini, Labimus (Laboratorio Interdisciplinare sulla musica dell’Università degli studi di Cagliari, Dipartimento di lettere, lingue e beni culturali), Consorzio Cagliari Centro Storico, Boxofficesardegna, Peugeot Mario Seruis Automobili.
Media partner sono Rai Radio Tutta Italiana, Rai Sardegna, Tiscali, Radio Popolare, Unica Radio, Sardegna Uno, Televisione Ejatv, Sardegnaeventi24.it, Il giornale della musica. Blogfoolk, Folk Bulletin, Mundofonías (Spagna), Petr Dorůžka (Rep. Ceca), Concertzender Nederland (Olanda).
Il Premio Andrea Parodi è realizzato dall'omonima Fondazione grazie a: Regione autonoma della Sardegna (Fondatore), Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e Assessorato del turismo, artigianato e commercio; Fondazione di Sardegna; Comune di Cagliari (patrocinio e contributo); NUOVOIMAIE; SIAE - Società Italiana degli Autori ed Editori; Federazione degli Autori.

Per maggiori informazioni:

mercoledì 22 luglio 2020

La Spezia, prima edizione del "Premio Bione" per la lirica.


LA SPEZIA- Conto alla rovescia per la prima edizione del “Premio  Bione” che si terrà venerdì 24 Luglio alle 21,30 in Piazza Europa.
Il premio, nato da un’ idea di Paola Settimini e organizzato dal Comune della Spezia, vuole rendere omaggio al baritono spezzino Emilio Bione (1882 – 1957), nostro illustre e generoso concittadino che, oltre ad aver portato il nome della Spezia nei più prestigiosi teatri, si è sempre contraddistinto per la sua generosità verso le strutture dei reparti di Medicina e Chirurgia dell’Ospedale Civile cittadino.
 Una serata dal programma ricco ed emozionante che oltre alle premiazione dei vincitore proporrà alcuni momenti musicali. I premiati sono musicisti che si sono particolarmente distinti nella loro attività artistica e sono stati  scelti da una commissione scientifica formata dal professor Roberto Danese del prestigioso Rossini Opera festival, dal direttore del Conservatorio G. Puccini della Spezia Federico Rovini, dal professor Luciano Bonci dell’Istituto “Cardarelli”, da Alessandro Maggi direzione artistica del teatro Civico e dal Maestro Sergio Chierici dell’Unione Corale Spezzina.
 I premiati della pima edizione del Premio Bione sono:
 Claudio Orazi – Sovrintendente del Teatro Carlo Felice
Già sovrintendente e direttore artistico del teatro Sferisterio di Macerata, del Teatro delle Muse di Ancona e della Fondazione Arena di Verona (dal 2002 al 2008). Per lui inoltre il ruolo di consulente del ministero agli Affari esteri per l’organizzazione tecnico-artistica e la realizzazione dei festival europei di musica, teatro e danza. Fino al 2019 è stato Sovrintendente del Teatro lirico di Cagliari, ponendo Cagliari e la Sardegna al Centro di un ampio progetto culturale e lasciando un Teatro lirico efficiente, con un bilancio positivo, un’istituzione che ha aumentato notevolmente la sua presenza nelle scuole, ha accolto studenti di ogni ordine e grado, ha perseguito politiche di radicamento sul territorio, ha dialogato con istituzioni e associazioni locali, è considerata a livello nazionale un esempio di efficienza amministrativa.
Marco Guidarini  – Direttore d’orchestra:
É uno tra i più noti direttori d’orchestra della sua generazione. Conta nel suo repertorio oltre settanta titoli operistici  più di duecento lavori sinfonici, oltre ad una vasta produzione discografica. Affianca ad una alta formazione musicale di alto prestigio gli studi umanistici. Profondamente influenzato dalla vicinanza di Claudio Abbado, debutta come direttore assistente di John Eliot Gardiner. Da qui una carriera sul podio dei maggiori teatri del mondo: dal Metropolitan di New York alla Scala di Milano, dall’Opera di Sidney al Bolshoi di Mosca. Chevalier deus Arts et des Lettres del Ministero della Cultura francese e Cavaliere dell’Ordine della Stella della Repubblica Italiana.
 La soprano Margherita Guglielmi –  Voce Femminile: (soprano)
Originaria di Fezzano, esordì nel 1964 sul palco del Teatro Bolshoi quando la Scala di Milano portò a Mosca la Lucia di Lamermmor diretta da Nino Sanzogno. Fu un successo incredibile ed è  è stata una cantante apprezzata in tutti i teatri del mondo: Tokyo, Lima, Cannes, Tblisi, Sofia, Bilbao, negli Stati Uniti e ha conosciuto tutti i mostri sacri della lirica: Di Stefano, Corelli, Gavazzeni, Giauriov, Cappuccilli, Pavarotti, Freni. Oggi viene invitata a importanti Accademie, Università e Fondazioni a tenere convegni, collabora col Conservatorio di Milano ed è stata chiamata a insegnare canto in Giappone.
 Il baritono Sergio Bologna -Voce maschile
Nato a Carrara, si diploma presso il Conservatorio G. Puccini di La Spezia. Nel 1996 vince i concorsi “Citta di Roma” e “Iris Adami Corradetti” di Padova e nello stesso am o debutta a Roma quale Figaro ne Il barbiere di Siviglia, ruolo ripreso decine di volte in Italia e all’estero e con cui nel 2003 ha fatto il suondebutto al Teatro dell’Opera. Il suo repertorio belcantista abbraccia dapprima i ruoli donizettiani, successivamente affronta anche ruoli pucciniani e verdiani. Nel suo repertorio non mancano Bellini e il teatro contemporaneo.

Il pianista Paolo Restani – Premio alla Carriera
Nato alla Spezia nel 1967, talento precoce, ha dato il suo primo concerto a 12 anni.  Dopo il debutto in recital nell’83 all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, viene scritturato dai maggiori teatri italiani. Nel corso dell’ormai quarantennale attività concertistica internazionale, innumerevoli le sue partecipazioni solistiche con orchestre d’Europa, America e Australia. Tra i direttori: Roberto Abbado, Gerd Albrecht, Piero Bellugi, Christian Benda, Yoram David, Vladimir Delman, Claus Peter Flor, Heiko Mathias Forster, Lu Jia, Lothar Koenigs, Gerard Korsten, Julian Kavatchev, Gustav Kuhn, Uroš Lajovic, Yoel Levi, John Nelson, John Neschling, Gunter Neuhold, Daniel Oren, Massimo Pradella, Donato Renzetti.
Riccardo Muti lo dirige, nel Giugno 2004, con l’Orchestra Filarmonica della Scala nel Concerto nr. 2 di Liszt e, nel 2008, nella produzione sinfonica Lélio ou Le Retour à la vie op. 14b di Berlioz accanto a Gérard Depardieu, l’Orchestra Luigi Cherubini, l’Orchestra Giovanile Italiana, il Konzertvereinigung Wiener Staatsopernchor.
Prestigiosi anche i festivals in cui è regolarmente ospite.
Oltre alla carriera solistica, si dedica a collaborazioni cameristiche e teatrali, e il suo repertorio spazia da Bach ai contemporanei. La dedizione all’opera di Liszt lo rende uno dei suoi maggiori interpreti. 
La serata sarà condotta da Claudia Bertanza e da  Roberto Bocchi e aperta dal saluto del vice Sindaco Genziana Giacomelli.

Il programma completo: www.laspeziaoggi.it 


Disponibile in streaming la colonna sonora del film "Il grande passo", composta da Pino Donaggio



Ha esordito il 20 luglio a Bergamo il tour di anteprime di "Il grande passo" di Antonio Padovan, con Giuseppe Battiston e Stefano Fresi, prima di arrivare in sala il prossimo 20 agosto, distribuito da Tucker Film e Parthenos. E sempre oggi, 20 luglio, sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali di download e streaming la sua colonna sonora edita e prodotta da Ala Bianca.


La colonna sonora

Le musiche originali del film sono opera del Maestro Pino Donaggio, celebre compositore, ex-cantautore, famoso nel mondo e soprattutto negli Stati Uniti per aver collaborato fin da giovane con Brian De Palma (Carrie, lo sguardo di Satana; Blow out) e in Italia per le sue musiche di Non ci resta che piangere, di Benigni e Troisi (1984), e Interno berlinese di Liliana Cavani (1985).
La colonna sonora è stata registrata a Treviso presso il Teatro delle Voci, studio di alto livello, con tecnici, orchestrali, direttori e compositori per la maggior parte veneti e giovani. L’orchestra di 49 musicisti (“formidabili”, a detta del Maestro Donaggio) - composta da 12 primi violini, 12 secondi violini, 6 viole, 6 celli, 3 contrabbassi, 3 corni e 4 tromboni, 1 flauto e 2 trombe - è stata diretta da Gianluca Podio e coordinata da Filippo Lanteri; l’orchestrazione è dei maestri Pino Donaggio, Paolo Steffan e Gianluca Podio; tecnici del suono Alex Milanese e Marco Streccioni.


Antonio Padovan, regista del film, racconta così la collaborazione con Pino Donaggio:

«Qualche mese dopo aver finito la sceneggiatura de Il grande passo, ma molto prima che iniziassimo le riprese, io e Pino ci siamo incontrati, a Venezia, e abbiamo parlato di razzi, di luna, e di Cinema. Gli ho mostrato alcune scene di film che mi emozionavano quand’ero piccolo. Per cercare quel sentimento che speravo di ritrovare dentro di me mettendo in scena questa storia. Film ricchi di colonne sonore maestose, eseguite da orchestre meravigliose. Da quando ho iniziato a immaginare Il grande passo, sapevo che Pino Donaggio sarebbe stato l’unico in grado di unire quel tipo di musica “da Hollywood degli anni d’oro” a un’italianissima sensibilità e delicatezza verso i sentimenti autentici. Abbiamo guardato un reportage di Oriana Fallaci mentre era a Houston per il primo allunaggio, l’intervista era intervallata da immagini del Saturno V che decollava verso il nostro satellite con dentro Armstrong, Aldrin e Collins. Le musiche erano sognanti, impregnate di un senso di meraviglia e avventura che viveva negli occhi delle donne e degli uomini di quegli anni, quando tutti guardavano al cielo.
Quando, qualche giorno dopo, Pino mi ha chiamato suonandomi al telefono il tema del film, mi sono commosso. Un regista che si commuove non è mai una cosa buona, il sentimentalismo fa male al set. Ho registrato la telefonata e mentre giravo il film la riascoltavo ogni sera, per conto mio, per mantenere limpide le idee sulle emozioni che avrei dovuto catturare il giorno dopo. Anche al montaggio io e Paolo Cottignola abbiamo puntato alla luna aggrappandoci alle note di Pino nello stesso modo in cui Dario-Battiston si affida totalmente al suo razzo. Registrare la colonna sonora del film con un’orchestra di cinquanta musicisti è stata la ciliegina sulla torta di un processo creativo e una collaborazione indimenticabile. La musica de Il grande passo rende epica la tenerezza. E in questo Pino ha compiuto una bellissima impresa quasi impossibile, come arrivare sulla Luna».


La colonna sonora è ascoltabile cliccando qui. 


Tracklist

01. La Luna

02. L'incidente

03. Padre e figlio

04. Verso il Nord

05. Quattrotronchi

06. Uova Sode

07. Svetlana

08. Un Problemuccio

09. L'incontro dei fratelli

10. Un Pollo non di Dario

11. Con la nebbia

12. 20 Luglio 1969

13. Papà

14. Qualcosa insieme

15. Luna storta

16. Verso Vercelli *

17. Cavalieri *

18. Frammenti

19. Volevo andare sulla Luna

20. Tutta la mia vita

21. Tre minuti (tema di Mario)

22. Il grande passo (tema di Dario)


* "Verso Vercelli" e "Cavalieri" sono composti da Pino Donaggio e Paolo Steffan

Il grande passo” è un film prodotto da

Ipotesi Cinema, Stemal Entertainment, Rai Cinema, con il contributo del MiBACT

Niccolò Fabi, Lercio, Rei a "Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty"




La musica torna a unirsi con i diritti umani nella 23a edizione di “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty”, che si snoderà per quattro giorni nella provincia di Rovigo: il 25 luglio ad Adria, il 31 luglio, 1 e 2 agosto a Rosolina Mare.

In programma ci saranno Niccolò Fabi, Marina Rei, Margherita Vicario, i Meganoidi, la satira di Lercio e le finali del Premio Amnesty nella sezione emergenti. Il contest, dedicato a brani con tematiche legate ai diritti umani, vedrà in lizza Mattia Bonetti, Ennesimo Piano B, Assia Fiorillo, H.E.R., Adriana Iè, Nuju, Micaela Tempesta e Agnese Valle.



Si partirà sabato 25 luglio con una anteprima ad Adria in Piazza Cavour con i Meganoidi, storica post punk band genovese, e, in apertura, The Boylers.

Da venerdì 31 luglio a domenica 2 agosto l’arena di Piazzale Europa a Rosolina Mare per tre giorni ospiterà le semifinali e la finale del concorso con importanti ospiti. Nella prima serata ci sarà la giovane e ormai affermata Margherita Vicario, che con il brano “Mandela” è stata nelle nomination di quest’anno per il Premio Amnesty ai Big, mentre per il contest si affronteranno H.E.R. da Roma con “Il mondo non cambia mai” , Adriana Iè da Verona con “Bumaye”, i Nuju da Reggio Emilia con “La nostra sicurezza”, Micaela Tempesta da Napoli con “4M3N”.

Sabato 1 agosto sarà la volta di un nome affermato della musica italiana come Marina Rei, appena uscita con un nuovo album di inediti, “Per essere felici”. Nella semifinale del contest si confronteranno Mattia Bonetti da Fosdinovo (Massa Carrara) con “Exarchia”, gli Ennesimo Piano B da Potenza con “Ultima stagione”, Assia Fiorillo da Napoli con “Io sono te”, Agnese Valle da Roma con “La terra sbatte”.

Ma il festival non ospiterà solo musica: nelle serate di venerdì e sabato ci sarà spazio infatti anche per gli interventi di Lercio Live, lo spettacolo ideato e scritto dal famoso sito satirico italiano.

Gran finale poi domenica 2 agosto con l’assegnazione del Premio Amnesty International Italia nella sezione Big a Niccolò Fabi per il brano “Io sono l’altro”, contenuto nell’album “Tradizione e tradimento”. Nel pomeriggio alle 18 Fabi e il presidente di Amnesty International Italia Emanuele Russo incontreranno pubblico e giornalisti nell’attiguo Centro congressi. In serata ci sarà anche la finale del premio per gli emergenti con i cinque migliori artisti delle due semifinali.

Oltre al vincitore assoluto, cui andrà anche un bonus offerto da Noise Symphony Music e Indieffusione che prevede la distribuzione e la promozione di un singolo, verranno assegnati un premio della critica ed uno del pubblico. A uno dei brani finalisti andrà poi il premio “Il migliore per noi” di Viva La Radio! Network, con passaggi radiofonici in alta rotazione per tre mesi.

La giuria tra semifinali e finali sarà formata da: Giò Alajmo – Spettakolo.it, Marco Cavalieri – Radio Elettrica, Francesca Cesarotti - Amnesty Italia, Francesca Corbo – Amnesty Italia, Silvia D'Onghia – Il Fatto quotidiano, Massimo Della Pelle – Rete dei Festival, Enrico Deregibus – giornalista, Michele Lionello – Voci per la Libertà, Ivan Malfatto – Il Gazzettino, Gianluca Mura – Radio41, Angelo Pangrazio – Tgr Veneto, Francesco Pozzato – Voci per la Libertà, Silva Rotelli – Inalienabile, Emanuele Russo – Amnesty Italia, Adila Salah - Indieffusione/Noise Symphony, Giordano Sangiorgi – Mei Meeting Etichette Indipendenti, Emanuele Scatarzi – Viva La radio! Network, Andrea Sesta – Lercio, Francesco Tragni– Radio Popolare.

A condurre le tre serate saranno gli storici presentatori Savino Zaba e Carmen Formenton, mentre, come già lo scorso anno, lo slogan di Amnesty International Italia sarà “Sui diritti non si torna indietro”, per ribadire la centralità dell'impegno in favore dei diritti di tutte e di tutti. Durante le serate del festival si potranno sottoscrivere questi appelli: “Il sesso senza consenso è stupro!”, “Fermiamo la detenzione e la tortura di rifugiati e migranti in Libia”, “Libertà per Patrick Zaki”, “Verità per Giulio Regeni”

Michele Lionello, il direttore artistico di Voci per la Libertà, afferma: “Il festival è ormai alle porte e nonostante le grandi difficoltà siamo riusciti a confermare questo attesissimo evento a livello nazionale. È una decisione che vuol essere un messaggio di speranza e di impegno in tempi quanto mai incerti. Un programma artistico che a fianco di Amnesty International propone il sostegno a favore di importanti campagne internazionali contro ingiustizie, violenze e discriminazioni, stimolando alla relativa sensibilizzazione”.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito: https://www.eventbrite.it/o/voci-per-la-liberta-30579724078

IL PROGRAMMA COMPLETO

Sabato 25 luglio ore 21.30 ad Adria, piazza Cavour: 

anteprima Voci per la Libertà con MEGANOIDI e The Boylers

Venerdì 31 luglio ore 21.00 a Rosolina mare, piazzale Europa: 

in concorso H.E.R., ADRIANA IÈ, NUJU e MICAELA TEMPESTA, ospiti LERCIO LIVE e MARGHERITA VICARIO

Sabato 1 agosto ore 21.00 a Rosolina mare, piazzale Europa: 

in concorso MATTIA BONETTI, ENNESIMO PIANO B, ASSIA FIORILLO e AGNESE VALLE, ospiti LERCIO LIVE e MARINA REI

Domenica 2 agosto ore 18.00 a Rosolina mare, Centro Congressi: 

incontro pubblico con EMANUELE RUSSO e NICCOLÒ FABI.

Domenica 2 Agosto ore 21.00 a Rosolina mare, piazzale Europa: finali concorso con i migliori cinque artisti delle semifinali e Premio Amnesty International Italia, sezione Big, a Niccolò Fabi.

Tutti gli aggiornamenti su: www.vociperlaliberta.it

Un’iniziativa di: Associazione Voci per la Libertà, Amnesty International Italia, Arte per la Libertà

Con il contributo di:
CGIL Rovigo, CISL Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando “Eventi culturali”.

Partner tecnici:
ARS audio & light, Idee Grafiche, Press4All, Mei - Meeting degli Indipendenti, OPS Group, Rete dei Festival, Studioartax, Musplan.

Media partner:
FunnyVegan, ViaVaiNet, Collettiva, Noise Symphony, Indieffusione, REMweb.

Radio partner:
Radio Popolare, Radio 41, Viva La Radio! Network, Atom Radio, IwebRadio, Oradio.it, Radio Atlanta, Radio Bellissima, Radio Bla Bla network, Radio Città Benevento, Radio Eco Sud, Radio Elettrica, Radio Garda, Radio L'Olgiata, Radio Michelle, Radio Pico, Radio Ragusa, Radio Sanremo, Radio Sardinia, Radio Sette Asiago, Radio stereo 5, Rt Radio Terapia, Studio Emme Network, Studio Tre Radio, Studio Uno Abruzzo, UnicaRadio, Webradio 63, Consulenza Radiofonica, Fare Radio.

martedì 21 luglio 2020

Al via il "Premio Pigro", dedicato a Ivan Graziani



È uno dei più longevi contest italiani per cantautori. Si tratta del “Premio Pigro”, nato nel 1998 e dedicato a un grande rocker come Ivan Graziani.
Il Premio è rivolto a nuovi talenti italiani ed è organizzato dall’Associazione Culturale Pigro che ha come presidente Anna Maria Bischi Graziani, moglie di Ivan.

Il bando per l’edizione 2020/2021 è da poco disponibile a questo indirizzo: adobe.com

L’ iscrizione dovrà avvenire entro il 6 ottobre 2020, inviando la documentazione richiesta nel bando all’indirizzo e-mail premiopigroivangraziani@gmail.com . Per partecipare occorre inviare un proprio brano (anche se già pubblicato) e una cover di Ivan Graziani, anche se non influente ai fini della selezione.

Il concorso si articolerà in tre fasi: selezioni, semifinali e finale.
 L'iscrizione è gratuita. Agli artisti selezionati per le semifinali sarà richiesto un contributo di 20 euro (40 euro per i gruppi).

Per maggiori informazioni:

Lutto per la nostra Anna Maria Barini, le nostre condoglianze.




È scomparso, dopo una lunga battaglia contro la malattia, Gianfranco De Somma. Aveva compiuto da poco 78 anni.

Diplomato all’Istituto Tecnico “Nazario Sauro” della Spezia, aveva frequentato l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli (Corso Allievi Ufficiali Piloti) e nel 1963 aveva iniziato a lavorare nei settori commerciali, come addetto a vendite e acquisti, con esperienze nelle Pubbliche Relazioni e Pubblicità per la Termomeccanica della Spezia, fino al 1987, quando era stato nominato vicecommissario e poi, nel 1996, vicepresidente di AGCI (Associazione Generale Cooperative Italiane) Liguria.
Si era occupato di garantire la presenza di AGCI in tutte le sedi istituzionali e di sviluppare azioni per promuoverla e tutelarla. I risultati ottenuti erano stati talmente positivi che questo lavoro era stato riconosciuto anche dalla Presidenza Nazionale dell’AGCI, che gli aveva affidato un ruolo nella Direzione Nazionale e nei direttivi di Pesca, Agricoltura e Solidarietà.  Per due anni aveva rappresentato l’AGCI presso il Ministero del Lavoro e aveva fatto parte di speciali Commissioni presso varie Prefetture, dirigendo anche diversi corsi di Formazione.
Aveva fondato in Lunigiana nel 1994 la prima Cooperativa sociale di tipo B iscritta all’AGCI e nel 2000 ne era diventato Presidente. La Cooperativa, con circa 60 addetti, opera in vari settori, tra cui Accoglienza, Turismo, Manutenzione del Verde, Edilizia e Formazione. È stato impegnato anche nella direzione di alberghi e ristoranti.
Per 15 anni ha fatto parte del CDA di ATC e a lungo Vice Presidente dell’Unione Fraterna.
Fervente repubblicano, fin da ragazzo è stato iscritto alla FGR (Federazione Giovanile Repubblicana), è stato a lungo attivo in politica.

A lungo sposato con l’insegnante di canto Anna Maria Barini, grande amica e collaboratrice di Radio Il Discobolo,  con la quale ha condiviso la passione politica, lascia due figli, Eleonora ed Enrico, e tre nipoti: Vittoria, Lorenzo e Giordano.
Ad Anna, ai figli e nipoti va l'abbraccio dello staff del Museo Virtuale del disco e dello spettacolo. 


giovedì 2 luglio 2020

Ritorna "100 canzoni per l'estate" da domenica 5



Ritorna "100 canzoni per l'estate", il programma radiofonico condotto da Massimo Baldino che ripercorre gli avvenimenti  delle estati passate, dagli anni Sessanta ai Novanta. Sarà l'occasione per riascoltare i passati tormentoni, quelli che vi hanno fatto ballare, sognare, innamorare... 

Vi aspettiamo a partire da domenica 5 luglio!

Orari
Domenica alle 18
Mercoledì alle 14:30 

Giovedì alle 10
Venerdì alle 21

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Sarà inoltre possibile ascoltare la trasmissione in podcast: www.ildiscobolo.net/podcast




Paolo Pietrangeli lascia la discografia con 'Amore amore amore, amore un c.…'

  È da sempre considerato il cantore dei rapporti politici e sociali, dal ‘68 in poi, di “ Contessa ”, “ Valle Giulia ” e tante altre, ma...