domenica 28 aprile 2019

“Delitto a Beverly Hills… giallo limone”: in scena a Siena un thriller tutto da ridere



A Siena va in scena un thriller tutto da ridere: l’Associazione Accademia di Canto Moderno debutta il prossimo sabato 4 maggio alle ore 21.30 al Teatro dei Rozzi “Delitto a Beverly Hills… giallo limone”, la nuovissima commedia musicale inedita scritta e diretta da Clara Cosci.
Sul palco, oltre trenta cantanti, attori e ballerini danno vita ad un allestimento pieno di ritmo, dove si ride e si riflette dei vizi e delle virtù umane.

Ispirato alle atmosfere che caratterizzano le storie di Agatha Christie, il musical trascina il pubblico nei ruggenti anni ’60 e racconta una divertente vicenda di amori, passioni e tradimenti che si svolge in un lussuoso hotel affollato da incredibili ospiti. 

Tra un colpo di scena e l’altro, la commedia presenta una galleria di strepitosi personaggi che si troveranno coinvolti in un misterioso delitto che, potenzialmente, li vede tutti probabili colpevoli.

La soluzione del caso non tarderà a palesarsi, ma intanto il crimine avrà rivelato caratteri e personalità altrimenti nascoste.

Un susseguirsi di emozioni che avranno come colonna sonora alcuni brani della popular soul music degli anni ’60, i cui testi italiani, interamente riscritti dalla stessa Clara Cosci, tessono la trama narrativa dello spettacolo.

“Delitto a Beverly Hills… giallo limone” è il tredicesimo lavoro teatrale inedito dell'Associazione Accademia di Canto Moderno.

L'appuntamento è per sabato 4 maggio alle ore 21.30 presso il Teatro dei Rozzi di Siena. 
Per informazioni e biglietti: www.accademiadicantomoderno.it




giovedì 25 aprile 2019

"Miranda Martino canta Napoli": esce a giugno il cd con il concerto di Napoli del 1998



Torna su disco a giugno per la Festa della Musica la grande cantante Miranda Martino con uno straordinario live intitolato Miranda Martino Canta Napoli accompagnata dal pianista Andrea Bianchi, che ha curato anche le orchestrazioni e prodotto da Materiali Musicali e Latlantide.
Si tratta di un ritorno attesissimo - infatti il suo ultimo album risale a circa 20 anni fa dopo l'uscita del libro che si sta rivelando un successo inaspettato e ha fatto registrare una grandissima attenzione su una delle principali voci della storia della canzone italiana, una delle prime cantanti a vincere il concorso in Rai nel 1955 e divenire successivamente una delle voci più belle del sabato sera in TV. Qui, Miranda Martino esprime al meglio la grande professionalità, la bellezza della sua arte e la sua meravigliosa voce. 

Il disco fu registrato a Napoli nel 1998 al Teatro di Corte di Palazzo Reale ed è tratto da uno spettacolo teatrale, dove Miranda Martino interpreta le più belle canzoni napoletane dal ‘200 a Salvatore Di Giacomo. Naturalmente nel live Miranda Martino interpreta anche i suoi cavalli di battaglia ‘Na sera ‘e Maggio, Spingole Frangese e Era de Maggio, non trascurando personaggi come la Sciantosa, dove per molto tempo l’hanno vista protagonista in Italia con concerti e serate dagli anni 60 agli anni 2000. 

24 canzoni napoletane interpretate in modo sublime per gli amanti dei classici napoletani e non. 

Il concerto è stato registrato con un ensemble particolare e suggestivo: quartetto di plettri, quartetto d’archi, pianoforte, contrabbasso e chitarra. Pianista, orchestrazioni e direzione d’orchestra M° Andrea Bianchi.

L'uscita prevista è per il 21 giugno in occasione della Giornata Europea della Musica.

Andrea Bianchi
Nasce a Roma nel 1969, nel 1991 si diploma a pieni voti al Conservatorio S.Cecilia di Roma. Successivamente frequenta corsi di composizione, armonia moderna, direzione d'orchestra e arrangiamento. Dal 1991 intraprende l’attività di esecutore, compositore e arrangiatore nel teatro di prosa e Musicale, Tv e Radio. Ha collaborato, fra gli altri, con : Gigi Proietti, Franco Miseria, Lina
Wertmuller, Ennio Coltorti, Enrico Brignano, Gigi Dall’Aglio, Franco Mescolini, Miranda Martino, Giulio Scarpati, Riccardo Reim, Walter Manfrè, Giuseppe Manfridi, Vittorio Viviani, Adriana Martino, Antonello Avallone, Simona Marchini, Germano Mazzocchetti, Christian De Sica, Maurizio Costanzo, Lilli Greco.
E’ citato nell’enciclopedia della Musica Napoletana (Garzanti). E' stato il pianista del “Concerto Di Natale 2006” con l'Orchestra diretta dal M.° Renato Serio  (trasmesso in mondovisione).

Dal 2011 al 2013 è stato il pianista di “Gianvarietà” trasmissione
Radiofonica di Rai Radio 1. Diretta tutti i giorni dal lunedì al venerdì di e con Gianluca Guidi. Dal 2013 è il pianista dello spettacolo “Un’ allegra fine de Siècle” di e con Lina Wertmuller. Pianista, assistente musicale e arrangiatore per la trasmissione TV “Cavalli di Battaglia” di e con Gigi Proietti. Rai 1 – Prima serata 2017/18/19 Pianista e collaboratore per la Trasmissione Tv “La Corrida” Rai1, prima serata con Carlo Conti.

Miranda Martino: la pagina dedicata a lei. www.ildiscobolo.net/biografie

giovedì 18 aprile 2019

In scadenza il Premio Bindi per i cantautori


Scade il 1° maggio il bando di concorso per la 15a edizione del Premio Bindi di Santa Margherita Ligure (Genova), uno dei più prestigiosi concorsi e festival italiani dedicati alla canzone d’autore e intitolato a Umberto Bindi, una delle colonne della scuola genovese dei cantautori.

Il festival si svolgerà dal 5 al 7 luglio e, oltre al concorso, che è in programma sabato 6, ospiterà incontri, presentazioni, live, showcase e, il 7 luglio, una serata tributo a Fabrizio De André a vent’anni dalla scomparsa, con The André (il misterioso cantante che unisce una voce alla Faber e la trap) e vari altri artisti che saranno annunciati prossimamente.

Il concorso è riservato a singoli o band che compongano le proprie canzoni. Non ci sono preclusioni per il tipo di proposte artistiche, da quelle stilisticamente più tradizionali a quelle più innovative. Fra tutti gli iscritti, una commissione selezionerà dieci artisti che si esibiranno nella finale del 6 luglio di fronte ad una prestigiosa giuria composta da musicisti, giornalisti e addetti ai lavori.

Caratteristica del Premio Bindi è quella di non premiare una singola canzone ma l'artista nel suo complesso, dal momento che tutti i finalisti avranno modo di eseguire ben quattro canzoni, tre proprie e una cover di Umberto Bindi.

Il 1° classificato riceverà una targa di riconoscimento e una borsa di studio di 1000 euro. Ma molti altri sono i premi in palio, come la “Targa Giorgio Calabrese” al miglior autore, assegnata in collaborazione con Warner Chappell Music Italiana, la Targa “Migliore canzone” scelta in base ai canoni radiofonici in collaborazione con l’etichetta “Platonica”, la “Targa Beppe Quirici” al miglior arrangiamento e composizione musicale. Altre premi potranno aggiungersi nelle prossime settimane,

L’iscrizione è gratuita. La domanda deve essere effettuata entro e non oltre il 1° maggio 2019 esclusivamente tramite il sito www.premiobindi.com nell’apposita sezione. Sul sito è disponibile anche il bando completo del concorso.


Per questa edizione, il Premio Bindi avrà un nuovo media partner: iLiveMusic, app che mette in contatto artisti e organizzatori, senza nessuna intermediazione. La collaborazione si realizzerà con una duplice modalità. Da una parte sarà possibile iscriversi al Premio anche tramite iLiveMusic. Dall’altra iLiveMusic contribuirà all’organizzazione di un evento speciale a cui parteciperanno alcuni dei finalisti. Luogo e data saranno annunciati successivamente.

Il Premio Bindi si avvale della direzione artistica di Zibba ed è organizzato dall'Associazione Le Muse Novae. È sostenuto dal contributo del Comune di Santa Margherita Ligure, della Regione Liguria e della SIAE.

Le scorse edizioni del Premio sono state vinte da Lomè (2005), Federico Sirianni (2006), Chiara Morucci (2007), Paola Angeli (2008), Piji (2009), Roberto Amadè (2010), Zibba (2011), Fabrizio Casalino (2012), Equ (2013), Cristina Nico (2014), Gabriella Martinelli (2015), Mirkoeilcane (2016), Roberta Giallo (2017), Lisbona (2018).

Per maggiori informazioni:

Associazione Culturale Le Muse Novae: Tel 0185-311603 – www.premiobindi.com - info@premiobindi.com

sabato 13 aprile 2019

Radio Il Discobolo ricorda la Regina della canzone italiana, Nilla Pizzi



Il 16 aprile del 1919 nasceva, a Sant'Agata Bolognese, Nilla Pizzi: fu la vincitrice del primo Festival di Sanremo, nel 1951, con la canzone "Grazie dei fiori". 

Radio Il Discobolo ricorda la Regina della canzone italiana con una trasmissione speciale ideata e condotta da Simone Calomino assieme a Enzo Giannelli. 
Enzo Giannelli, che sta pubblicando con le edizioni "Il Discobolo" una biografia della Pizzi, "Nilla ultima Regina", è stato anche amico della grande artista scomparsa a Milano il 12 marzo 2011.

Enzo e Simone ci parleranno della vita e della carriera della Regina, facendoci ascoltare alcuni tra i suoi più grandi successi.

La trasmissione andrà in onda:

- martedì alle 18
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 21


I libri di Enzo Giannelli sono in vendita qui: www.ildiscobolo.net/consiglieditoriali



venerdì 12 aprile 2019

"Premio Amnesty International Italia", si avvicina la scadenza del bando.



Si sta avvicinando la scadenza, prevista per il 6 maggio, del bando di concorso del “Premio Amnesty International Italia”, sezione Emergenti, organizzato nell’ambito del festival Voci per la libertà.

Il festival è in programma dal 18 al 21 luglio a Rosolina mare (Rovigo): dopo una anteprima il 18, nei giorni 19 e 20 si svolgeranno dal vivo le semifinali del contest, a cui prenderanno parte quattro artisti per serata, mentre il 21 ci sarà la finale con cinque di loro.

Possono iscriversi tutti i gruppi o solisti che abbiano un brano legato al tema dei diritti umani, in qualsiasi lingua o dialetto e genere musicale. Tutte le informazioni sul concorso, i premi, le modalità di iscrizione e il bando completo sono disponibili all’indirizzo www.vociperlaliberta.it



Uno degli otto semifinalisti è stato appena definito. Si tratta di Giovi e la Massimo Francescon Band con il brano "Quello che io non so", in qualità di vincitori del Premio Web Social 2019, grazie ai voti raccolti sul sito di Voci per la libertà tra tutti i concorrenti che si erano iscritti entro il 15 marzo (ben 61). L’iniziativa ha avuto un successo notevolissimo: ci sono stati oltre 100.000 ascolti con quasi 30.000 voti espressi.

Grazie a ciò Giovi e la Massimo Francescon Band si aggiudicano anche un pacchetto promozionale offerto dal MEI, il Meeting degli Indipendenti, partner storico di Voci per la libertà.

Tutti gli altri concorrenti restano comunque ancora in lizza per partecipare alle semifinali di luglio. L'Associazione Voci per la libertà sceglierà infatti fra loro e gli iscritti successivi altre sette proposte, che si batteranno assieme al vincitore del Premio Web Social nelle semifinali a Rosolina mare. Qui una giuria prestigiosa di addetti ai lavori assegnerà il Premio Amnesty International Italia Emergenti.

Nelle serate si esibiranno in veste di ospiti anche importanti nomi della musica in Italia, che saranno annunciati nelle prossime settimane. In particolare, in occasione della finale del 21 luglio saliranno sul palco anche Roy Paci & Aretuska con il rapper Willie Peyote, come vincitori del Premio Amnesty International Italia nella sezione “Big” con il brano “Salvagente”.

Giovi e la Massimo Francescon Band hanno una particolarità importante: si sono conosciuti proprio a Rosolina mare in occasione di Voci per la libertà, nel 2017. Già da allora avevano pensato ad una collaborazione, che si è concretizzata proprio recentemente. “E perché non iniziare appunto da dove tutto è partito? In fondo è il ritorno che dà senso ad ogni viaggio” si sono detti.

Giovi è di Rovigo ed ha sedici anni (classe 2002). Nonostante la giovane età ha già avuto diversi riconoscimenti, ad esempio è stato da poco finalista nel Premio Fabrizio De André.

La Massimo Francescon Band nasce invece nel 2013 con l’intento di arrangiare e proporre dal vivo le canzoni del cantautore trevigiano Massimo Francescon. Numerosi i riscontri. Nel 2017 vince il Premio "Botteghe d'Autore" e riceve il riconoscimento "Stefano Ronzani alla critica musicale" al Festival "Rock Targato Italia". A gennaio 2019 la band si aggiudica la Targa “La Compagnia di Donida” al Premio intitolato al compositore italiano Carlo Donida.


Tutti gli aggiornamenti su: www.vociperlaliberta.it

"Spettacoli alla Frutta”: contest nazionale di corti teatrali che porta in scena l’ortofrutta


L’arancia rossa di Sicilia, la fragola della Basilicata, la mela  della Val di Non, le pesche e nettarine dell’Emilia Romagna, il pomodoro autentico di Sicilia e Sardegna, l’Uva di Puglia. E ancora il kiwi, la susina, il carciofo, il melone, l’anguria midi, la pera, i piccoli frutti. Le eccellenze ortofrutticole del Belpaese si incontrano per la prima volta tutte insieme in un contesto unico, su un palcoscenico teatrale, si umanizzano, si raccontano nella loro unicità, e svelano al pubblico le loro storie. Succede con Spettacoli alla Frutta, il primo contest nazionale rivolto alle compagnie amatoriali e a tutti gli artisti di corpo e parola che svolgono attività teatrale in Italia, chiamati a realizzare delle piccole performance incentrate sui temi dell’ortofrutta a trecentosessanta gradi, dalle eccellenze produttive made in Italy alle confezioni per frutta e verdura che sono amiche dell’ambiente e riducono gli sprechi alimentari.

15 storie di passione, di sostenibilità, di amore per la natura e per i suoi frutti migliori, un copione mai scritto prima e una regia inedita, quella di Bestack, consorzio di ricerca che riunisce i produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, che promuove questo progetto unico in Italia in occasione di Macfrut 2019, la principale rassegna italiana dedicata al settore ortofrutticolo, in agenda alla Fiera di Rimini dall’8 al 10 maggio prossimi.

Il progetto coinvolge 13 aziende leader del settore ortofrutticolo italiano che si differenziano sul mercato per la distintività dei loro prodotti, per la riconoscibilità dei loro brand e per una vocazione particolare allo storytelling. In ordine alfabetico per prodotto: l’arancia Oranfrizer, il carciofoViolì, la fragola Solarelli, il kiwi Jingold, la mela Melinda, il melone Mundial, l’anguria midi Perla Nera, la pera Angèlys, le pesche e nettarineValfrutta, i piccoli frutti Delizie del bosco di Piemonte, il pomodoro iLcamone, la susina Metis e l’uva Viviana. A ognuno di questi prodotti è dedicato un brief che racconta la storia e l’origine dei frutti selezionati, le loro caratteristiche e la loro peculiarità, insieme ad aneddoti, curiosità e suggestioni. A questi contenuti Bestack ha aggiunto due schede tematiche sulla sostenibilità degli imballaggi in cartone ondulato e sulla loro proprietà “anti-spreco”: il risultato è un opuscolo che raccoglie 15 storie che raccontano, tutte insieme, la bellezza e l’unicità dell’ortofrutta made in Italy.

Gli artisti e le compagnie teatrali interessate a partecipare hanno tempo fino al 26 aprile per presentare le loro candidature. La call to action coinvolge oltre 2.300 compagnie teatrali amatoriali italiane, ma può partecipare chiunque si voglia improvvisare attore per un giorno. Non ci sono limiti alla fantasia e alla creatività, l’unico requisito richiesto è la realizzazione di corti teatrali o micro rappresentazioni della lunghezza massima di 5 minuti e la realizzazione di una foto iconografica che comunichi l’essenza del tema prescelto. Le performance devono essere inviate al consorzio sotto forma di video, alla mail spettacoliallafrutta@bestack.com, entro e non oltre le ore 12 di venerdì 26 aprile. Il montepremi in palio per le compagnie finaliste, comprensivo dei rimborsi spese, ammonta a oltre 11 mila euro.

Spettacoli alla Frutta prevede anche un contest online sulle pagine Facebook e Instagram dell’iniziativa, con voto popolare degli utenti del web. La direzione artistica del progetto selezionerà invece le migliori proposte pervenute via video, che saranno messe in scena a Macfrut alla Fiera di Rimini dall’8 al 10 maggio, nel palco allestito nella Hall Sud. A Macfrut visitatori, espositori, professionisti della comunicazione e giornalisti decideranno i vincitori: il pubblico di Macfrut potrà così decretare il vincitore assoluto del contest, oltre a un vincitore per ognuno dei 15 prodotti, e alla miglior foto.Il vincitore assoluto di Spettacoli alla Frutta si aggiudicherà un premio in denaro di 1.000 euro mentre sarà di 200 euro il premio per ogni singolo tema, sia per i vincitori del contest online che per quelli dei singoli temi assegnati in fiera.

“Cinque minuti per raccontare uno dei tesori del patrimonio alimentare italiano come l’ortofrutta, magari studiando un po', informandosi, ragionando, mettendoci un briciolo di fantasia e magari un pizzico di autoironia. - dichiara il direttore di Bestack, Claudio Dall’Agata - Frutta e verdura fanno bene, sono naturali, contengono vitamine, raccontano i territori e questa volta possono anche far vincere molto di più di qualche euro! L’invito alle compagnie teatrali e a tutti gli artisti di corpo e parole è a provarci… sarebbe un ‘delitto’ non farlo!”.

Info e regolamento sono disponibili nella pagina dedicata sul sito di Bestack: www.bestack.com

 

Altro lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Ilaria Occhini

Aveva 85 anni Ilaria Occhini : l'attrice, nata a Firenze il 28 marzo 1934, è morta nella sua città sabato 20 luglio.  La ricor...