Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

lunedì 24 aprile 2017

Concerto-evento per i 50 anni di carriera di Vittorio de Scalzi



NAPOLI- Una performance in omaggio al fondatore dei New Trolls, antesignano del prog italiano e autore di alcuni tra i più rinomati brani di musica leggera: il grande evento per celebrare i 50 anni di carriera di Vittorio De Scalzi si presenta ricco di ospiti e sorprese.

Sul palco del Teatro San Carlo di Napoli lunedì 15 maggio alle ore 20,30 saranno molti gli artisti che accompagneranno le note di Vittorio insieme al cantante-musicista-compositore.
Grazie alla direzione artistica di Dario Salvatori, alla conduzione di Fabrizio Frizzi e alla regia di Gino Aveta, il concerto-spettacolo sarà una festa della musica italiana attraverso i generi e le generazioni, a riprova del fatto che una bella composizione supera i confini e il tempo storico.
Uno show ricco di interpretazioni ed esibizioni assolutamente inedite, tra duetti, assoli e rivisitazioni corali che, accompagnati dalle due orchestre sinfoniche del Conservatorio Alfredo Casella de L’Aquila e Claudio Abbado di Salerno, dirette dal Maestro Leonardo Quadrini, vedranno esibirsi in alcune “chicche” tratte dal repertorio di De Scalzi nomi del calibro di Gino Paoli, Patty Pravo, Katia Ricciarelli, Drupi, Peppe Barra, Sal Da Vinci e Neri per Caso.
Saranno presenti anche testimoni inconfondibili del primo periodo di attività del “troll in prog” Vittorio, quali Aldo Tagliapietra (Le Orme), Lino Vairetti (Osanna) e Clive Bunker (Jethro Tull), musicisti dall’anima dialettale come il chitarrista genovese Armando Corsi e i giovani lucani Renanera, la cantante napoletana Patrizia Del Vasco, il cantautore Zibba e la coverband dei Beatles The Beatbox.

Un cast nutrito per ripercorrere avanti e indietro un repertorio ispirato all’eclettismo musicale di De Scalzi, che in mezzo scolo di attività lo ha visto scrivere brani – per se stesso e per molti altri - che sono autentiche poesie del pop e della canzone d’autore, e generare molte composizioni strumentali dalla melodia immortale, dotate di un’armonia compositiva inconfondibile.
Novità della serata, per la prima volta dal vivo, l’interpretazione del suo nuovo singolo L’attesa, di cui a breve uscirà anche un video-clip, segnale di una rinascita per l’inizio del secondo mezzo secolo di fervida ed onorata attività musicale.

Teatro di San Carlo
Via S. Carlo 9/F - 80132 – Napoli

Biglietti a partire da: € 35,00
Infoline: www.teatrosancarlo.it

I marinai nella nuova puntata di "Dal fonografo al microsolco"



Saranno i marinai i protagonisti della nuova puntata di "Dal fonografo al microsolco", con Sandro Alba e Massimo Baldino.

Tra le canzoni in scaletta, "Il saluto del marinaio", canzone del tempo di guerra e interpretata da vari artisti: noi la ascolteremo nella versione di Luciano Pellegrini, cantante ferrarese, nato nel 1923 e morto nel 2001, che ha avuto una carriera intensa, ma molto breve, negli anni '40. (la biografia su www.ildiscobolo.net/biografie).

Non può mancare, inoltre, la famosissima "Ma come fanno i marinai", brano del 1979 tratto da "Banana Republic", di Lucio Dalla e Francesco de Gregori. 


Pronti a salpare? La trasmissione andrà in onda:

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21

domenica 23 aprile 2017

Elvis Presley e il 25 aprile a WikiRadio



WikiRadio Oggi va in onda tutti i giorni, alle 11:30, sulle frequenze di Radio Il Discobolo. 

Vi presentiamo i prossimi appuntamenti.

Lunedì 24: Elvis Presley.
La vita di uno degli artisti più famosi di tutti i tempi, che esordì il 23 aprile 1956 a Las Vegas (Elvis, dai successi al declino...).

Martedì 25: Il 25 aprile.
Festa nazionale, simbolo della liberazione del nostro Paese dal governo fascista.



Panacea, al via la campagna di crowdfunding



Come ci avevano annunciato Francesco Tartarini e Paolo Meneghini nella recente intervista (Intervista a...), è partita la campagna di crowdfunding per sostenere i futuri progetti di Panacea, tra cui la realizzazione di un secondo videoclip.

Se volete saperne di più sul progetto e aiutare questi due artisti: www.produzionidalbasso.com.
La campagna ha una durata di due mesi.




"Frida Kahlo" e Charles Bukowski a "Randagio On The Air"



Ancora una settimana di poesia con il nostro Luca Fagioli che, con le sue letture quotidiane, ci accompagna alle soglie della notte.

La settimana di "Randagio on the air" inizia questa sera, domenica 23, con una bella poesia d'amore, "Ti meriti un amore", che è attribuita alla pittrice messicana Frida Kahlo, ma che in realtà sarebbe della poetessa contemporanea Estefania Mitre, anch'essa messicana. (www.womenartistsblog.wordpress.com).

Lunedì 24, invece, Fagioli "incontrerà" di nuovo Charles Bukowski. 
La poesia del giorno (anzi, della notte) è "Lancia il dado". 

"Randagio on the air" va in onda tutte le sere alle 22:50.

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

sabato 22 aprile 2017

Jack Nicholson compie 80 anni



Compie 80 anni oggi un mostro sacro di Hollywood.

Attore, regista, sceneggiatore, produttore, tre volte Premio Oscar, 12 nomination: Jack Nicholson è uno dei più grandi attori viventi, capace di interpretare sia ruoli comici che drammatici con la stessa intensità.

Tra le sue interpretazioni più famose, ricordiamo "Qualcuno volò sul nido del cuculo", del 1975 (Premio Oscar), in cui interpreta il ruolo di un uomo che arriva in un ospedale psichiatrico per essere esaminato e stabilire se è realmente malato mentale o finge solamente. 
Mc Murphy, questo il nome del personaggio, si comporta da pazzo.
E il ruolo del pazzo per il grande attore ritorna in "Shining", di Stanley Kubrick, film del 1980, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King.


Auguri, Jack!

"Varietà Varietà", per risentire "The Shirelles"


Enrico Montesano, Silva Koscina, Gianni Agus, Paolo Panelli, Totò con Mario 
Castellani, Valeria Valeri e Enrico Maria Salerno, Alberto Lupo, The Shirelles, 
Adriano Celentano, Mina, Rita Pavone, Iva Zanicchi, con le le orchestre dirette dai 
maestri Pippo Barzizza,  Marcello de Martino e Gianni Ferrio saranno i protagonisti
della nuova puntata di Varietà Varietà.

The Shirelles
Gruppo pop statunitense e tutto femminile, si è formato nel 1959.
Nel 1996 sono state inserite nella "Walk Rock Of Fame". 
La rivista "Rolling Stone" le annovera al 76º posto nella classifica dei 100 più 
grandi cantanti di tutti i tempi.
Sono note anche per il loro impegno contro l'AIDS e a favore di un'associazione
per la cura delle malattie mentali.

Domenica alle 10
Sabato alle 18


La grande prosa: "Colombe" di Jean Anouilh



 Per l'appuntamento con la grande prosa questa settimana trasmetteremo "Colombe" di Jean Anouilh. 

Opera in quattro atti, è stata rappresentata per la prima volta nel 1951 e la versione che vi proporremo noi, risalente al 1961 e interpretata da Lina Volonghi, Aroldo Tieri e Oreste Lionello. 

Vi aspettiamo domenica e lunedì alle 21.

venerdì 21 aprile 2017

La Liberazione, Elvis Presley e "Toh chi si risente" nella nuova settimana di Radio Il Discobolo



La settimana che inizia domenica 23 aprile avrà un "tocco" di liscio, con una vecchia intervista a Raul Casadei. Ospite di Giacomo Schivo e della sua "Clessidra" sarà nuovamente Maria Giovanna Elmi. 

WikiRadio Oggi si occuperà della Festa della Liberazione, di Elvis Presley e di Renato Rascel; "La voce del padrone" sarà sostituito da uno speciale di "Toh chi si risente" con Carlo Loffredo.
Per l'appuntamento con la prosa, trasmetteremo "Colombe", di J. Anouillh, in una registrazione del 1961. 

E, ovviamente, tanta, tantissima musica!




Randagio On The Air: Luca Fagioli legge Bukowski




Ci viene sempre chiesto
di comprendere l'altrui
punto di vista
non importa quanto sia
antiquato
stupido o
disgustoso.

[...]

Sono i versi iniziali della poesia "Sii gentile", di Charles Bukowski, che Luca Fagioli leggerà questa sera, venerdì 21, alle 22:50 nella sua trasmissione "Randagio on the air".

giovedì 20 aprile 2017

WikiRadio Oggi: i prossimi appuntamenti



I prossimi appuntamenti con Wikiradio Oggi, in onda ogni giorno alle 11:30 su Radio Il Discobolo.

Venerdì 21: La guerra fredda.
Con l'espressione guerra fredda si indica la contrapposizione politica, ideologica e militare che si creò intorno al 1947 (non tutti gli studiosi concordano), tra le due potenze principali emerse vincitrici dalla seconda guerra mondiale: gli Stati Uniti d'America e l'Unione Sovietica. Ben presto si giunse alla divisione dell'Europa in sfere di influenza e alla formazione di blocchi internazionali ostili, denominati comunemente come Occidente (gli Stati Uniti, gli alleati della NATO e i Paesi amici) ed Oriente, o "blocco comunista" (l'Unione Sovietica, gli alleati del Patto di Varsavia e i Paesi amici). Tale tensione, durata circa mezzo secolo, pur non concretizzandosi mai in un conflitto militare diretto (da cui il termine fredda quando in realtà la disponibilità di armi nucleari per entrambe le parti avrebbe potuto distruggere inesorabilmente l'intero pianeta), si sviluppò nel corso degli anni incentrandosi sulla competizione in vari campi contribuendo almeno in parte allo sviluppo ed evoluzione della società stessa con l'avvento della terza rivoluzione industriale. (wikipedia)

Sabato 22: The Blues Brothers
Il 22 aprile 1978 esordiscono in televisione, nel Saturday Night Live, i Blues Brothers. Vestiti con abiti e occhiali neri, Dan Aykroid e John Beluschi si esibiscono nei panni (inventati) dei fratelli Jake “Joliet” Blues ed Elwood Blues. Due anni dopo i fratelli Blues arrivano al cinema, con il leggendario film "The Blues Brothers", pellicola che diventa immediatamente un vero cult.
Nel 1982 John Belushi, devastato da alcool e droghe, muore all'età di 33 anni.


Domenica 23: La liberazione di Genova.
Avvenne nella notte tra il 23 e il 24 aprile 1945; l'insurrezione fu opera del Comitato di Liberazione Nazionale della Liguria e del Comando Militare Regionale, che unirono congiuntamente.

mercoledì 19 aprile 2017

Compleanni celebri: auguri a Fernando Botero

Di Roel - Flickr, CC BY 2.0 

Compie 85 anni oggi, 19 aprile, il pittore e scultore colombiano Fernando Botero.

Negli anni '50 Botero è in Italia, dove conosce le grandi opere del Rinasciamento italiano, soprattutto Giotto e Andrea Mantegna, che lo ispirano a tal punto da riprodurne i capolavori. Celeberrima la sua rivisitazione della "Gioconda" di Leonardo da Vinci.



Caratteristica delle opere di Botero è la predilezione dell'artista per le figure grasse, ma da dove viene questa scelta? 
Tutto ebbe inizio nel 1956, quando l’artista ha ventiquattro anni, e contrariamente (e anche un po’ inaspettatamente) rispetto a quello che si potrebbe pensare, Botero non applicò la sua “dilatazione” a una figura umana o a un essere vivente, bensì a un oggetto: un mandolino. L’artista stava dipingendo uno studio per una natura morta (poi divenuta nota come Natura morta con mandolino) e aveva però raffigurato il foro di risonanza dello strumento in proporzioni decisamente più piccole rispetto al normale, con la conseguenza che il mandolino risultava molto più tozzo e allargato rispetto a un mandolino raffigurato con il foro nelle proporzioni corrette. L’artista fu allo stesso tempo colpito e visceralmente attratto da questa forma dilatata oltre il naturale, perché gli evocava una profonda sensualità. Dopo aver dunque “dilatato” il mandolino, Botero trovò il suo stile, e iniziò a dilatare le forme di altri oggetti, di animali, di esseri umani, conferendo a tutti quell’aspetto “grasso” che costituisce un po’ il suo marchio di fabbrica. (Fonte: www.finestresullarte.info).

Auguri, Maestro!

"Un secolo fa...". Intervista a Enzo Forcella



Per la rubrica "Un secolo fa..." ascolteremo questa settimana un'intervista a Enzo Forcella.

Scrittore, giornalista, storico, nasce a Roma nel 1921 e muore, sempre a Roma, nel 1999. Nel 1975 ha vinto il Premio Bagutta con "Celebrazione di un trentennio".

Ha lavorato per "La Stampa", "Il Giorno" e "La Repubblica" (che ha visto nascere). Tra il 1976 e il 1986 ha lavorato per "Radio 3", inventando la trasmissione "Prima pagina" (rassegna stampa).

Assieme a Francesco Rosi, ha collaborato alla stesura della sceneggiatura di "Le mani sulla città", del 1963.

L'intervista va in onda:

- giovedì alle 10
- venerdì alle 14:30


www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

A WikiRadio Oggi la rivolta nel ghetto di Varsavia



Il 19 aprile 1943 alle 4 del mattino scoppiò la rivolta nel ghetto di Varsavia. La Germania, già due mesi prima, ne aveva ordinato la distruzione, ma l'offensiva iniziò quel giorno, che era anche la vigilia della Pasqua ebraica.
Pur aspettandosi uno scontro (dal momento che gli abitanti del ghetto avevano avuto due mesi di tempo per organizzarsi) i tedeschi non erano preparati a una vera e propria resistenza. Il 20 aprile ordinarono la completa distruzione di tutti gli edifici, poiché avevano scoperto molti passaggi sotterranei.
Tra incendi e gas, i tedeschi andarono avanti nella lotta per oltre un mese. 
Il 24 maggio Stroop (il generale tedesco che aveva sostituito, in corsa, von Sammern) scrisse di aver catturato 56065 ebrei e di averne già eliminati 13929. Le perdite tedesche erano decisamente modeste: 16 morti e 85 feriti.

Gli ebrei di Varsavia vivevano nel ghetto dall'agosto del 1940.

Nel 2002 Roman Polanski ha ambientato nel ghetto di Varsavia il film "Il pianista", tratto dall'omonimo libro del 1946 di  Władysław Szpilman, libro autobiografico che racconta gli orrori vissuti in quegli anni dal protagonista.
Nel film il ruolo del pianista è interpretato dall'attore Adrien Brody, che ottenne l'Oscar come miglior attore. 


Del ghetto di Varsavia parlerà WikiRadio Oggi di giovedì 20 aprile, in onda alle 11:30.




martedì 18 aprile 2017

Pessoa e Cohelo nelle prossime puntate di "Randagio On The Air"



Vi presentiamo i prossimi appuntamenti con Luca Fagioli e "Randagio on the air", in onda alle 22:50 su Radio Il Discobolo.

Mercoledì 19: "Nulla" di Fernando Pessoa.


Giovedì 20: "Sei tu" di Paulo Cohelo.

[...] Ho guardato nel profondo dei tuoi occhi cercando di comprenderti 
ma, ho visto tutto quello che di me 
mai avrei voluto vedere. 
Ho visto la mia fragilità e la mia insicurezza 
i miei sensi di colpa e i miei complessi 
le mie paure e la mia insofferenza 
ho visto le mie tenebre e i miei demoni [...]

Il genio di Einstein a WikiRadio Oggi



Il 18 aprile 1955 moriva Albert Einstein; il grande fisico e filosofo tedesco, naturalizzato statunitense, era nato il 14 marzo 1879. 

Ricevette il Premio Nobel per la Fisica nel 1921, «...per i contributi alla fisica teorica, in particolare per la scoperta della legge dell'effetto fotoelettrico».
Einstein fu attivo anche in altri campi, come la filosofia e la politica: per il suo apporto alla cultura in generale è considerato uno dei più importanti studiosi e pensatori del XX secolo.
Dopo il 1921 raggiunse una fama insolita per uno scienziato e ben presto il suo nome divenne sinonimo di genio.

Lo ricorderà WikiRadio Oggi di mercoledì 19, in onda come sempre alle 11:30.


Intervista a Paolo Meneghini e Francesco Tartarini, autori di "Fuori controllo"




Francesco, tu hai collaborato con grandi artisti della musica italiana, per esempio Max Pezzali. Ci racconti qualcosa dei tuoi esordi e di queste collaborazioni?
Musicalmente, la mia storia inizia prima di queste collaborazioni. Ho sempre provato a scrivere canzoni, fin da quando avevo 15 anni e a 18 ho iniziato con Paolo (Meneghini) una collaborazione che dura ormai da quasi 30 anni. Abbiamo provato a scrivere qualcosa assieme e, dopo questi inizi, abbiamo avuto due percorsi musicali diversi. Il mio mi ha portato, in primis, a esibirmi nelle varie band, a fare serate in locali a Forte dei Marmi, in zona e anche nel resto d'Italia. E poi c'è stata l'opportunità, nei primi anni 2000, di collaborare con Alexia, nell'album "Money Honey", abbiamo collaborato per qualche anno, io ero vocalist e coautore, fino all'album "Stars". Poi ho avuto qualche anno di stop, anche perché il ruolo di corista è abbastanza marginale. Dal 2007 al 2010 ho collaborato, come vocalist, con Max Pezzali; lì ho esercitato davvero la professione ed è stata un'esperienza fondamentale, ma ci tengo a dire che non mi sento arrivato da nessuna parte. Il mio obiettivo, che ho sempre represso, era quello di fare rock e parlare di sociale, anche se nessuno credeva che fossi in grado di farlo. Ora voglio puntare sul mio rock.

Parliamo un po' di questo video, "Fuori controllo", che in pochi giorni su YouTube ha superato le 1300 visite. Ne parliamo con te, Paolo, che sei coautore di tutti i brani e produttore.
"Fuori controllo" nasce dalla voglia di finirla con il concetto di "politicamente corretto" che è insopportabile e dire le cose come stanno: è un brano molto rock, che racconta il degrado che stiamo vivendo, nella società occidentale, ma non solo. Si parla di un degrado a 360°, dei tempi, più che geografico. 

Prossimi progetti?
Ora, a fine aprile, partirà su "Musicraiser" una campagna di crowdfunding. La campagna durerà 60 giorni: noi chiediamo alle persone un consenso finanziario, metteremo in vendita il nostro disco (che non si troverà nei negozi, solo on-line). In base agli esiti della campagna, poi vedremo cosa fare. 

"Fuori controllo" è un brano molto rock, come hai detto, e fa parte di un disco: anche gli altri brani sono così rock?
Francesco: No, gli altri sono più soul, ballad, sono molto più soft. Sarà un EP di 6 brani. C'è molta poesia, non vorrei mai essere catalogato solo come "quello che urla". Ci sono temi sociali, ma si parla anche di amore. In fondo, cosa c'è di più "sociale" dell'amore?

Sarete a Como, alla FIM  (Fiera Internazionale della Musica) dal 26 al 27 maggio: una bella vetrina per voi.
Il brano "Fuori controllo" ha avuto un buon riscontro e per questo dobbiamo ringraziare Daniele Ceccarini, Mario Molinari, ma soprattutto Paola Settimini. Siamo però curiosi di vedere come andrà fuori dalla nostra zona, senza gli amici. A Como il nostro brano sarà in gara e verrà trasmesso nei giorni della Fiera: vedremo come andrà. 

Paolo, anche tu sei musicista e cantautore. Progetti artistici da solo?
Io alterno il mio percorso solista con la collaborazione con Francesco. All'interno della nostra alchimia io sono l'anima più pop, più "italiana". Ci sono delle cose che mi piacerebbe fare, ma ora sono impegnato in questo progetto con Francesco. 

Francesco, hai in programma serate o concerti?
Ne ho fatte in passato, ma ora sarei più interessato a fare concerti miei, presentandomi con la mia faccia e la mia musica. 

Sono previsti duetti tra voi?
Paolo. Ne abbiamo fatti mille volte, ma in questo progetto abbiamo deciso che Francesco dovesse avere il suo ruolo e io il mio, quindi andiamo avanti così. 

So che ci sono, nel vostro lavoro, musicisti molto importanti. Ce ne volete parlare?
Paolo. Il nostro è un EP piccolo, ma importante, che Francesco ha portato a termine grazie alla sua grande determinazione. Grazie a rapporti di amicizia con Francesco, hanno suonato Elio Rivagli alla batteria (il più grande batterista degli ultimi anni), Chicco Gussoni (chitarrista di Nek e di Sanremo), Andrea Cozzani al basso e Armando Fiorenza, dove abbiamo suonato e che ha fatto anche il mixaggio del brano. Le ultime due sono eccellenze spezzine, abbiamo registrato qui a Spezia. 

Infine, due parole su "Panacea". 
Francesco. "Panacea" è il titolo dell'EP e anche il mio nome d'arte, con il quale mi presento, ora, sulla scena musicale. "Panacea" è il nome che abbiamo dato alla nostra pagina Facebook e al nostro canale YouTube. 

(Intervista di Claudia Bertanza)

Panacea su Facebook: www.facebook.com/panacea 
Panacea su YouTube: Panacea Sound  



"La voce del padrone", ultima puntata con Simone Calomino



"Pharlophonmania" è l'argomento della prossima puntata del programma "La voce del padrone" condotto, per l'ultima volta in questa stagione, da Simone Calomino.

Tra i brani in scaletta, una delle canzoni più famose dei Beatles, "Michelle". 
"Michelle" è un brano del 1965, scritto da John Lennon e Paul Mc Cartney e contenuto nell'album "Rubber Soul". 


"La voce del padrone" vi aspetta:

- mercoledì alle 10
- giovedì alle 14:30
- venerdì alle 18
- sabato alle 21

lunedì 17 aprile 2017

Stanlio e Ollio a Wikiradio Oggi



Il magro e il grasso, lo "stupìdo" e "quello che sa", il comico e la spalla: stiamo parlando di Stan Laurel e Oliver Hardy, la coppia comica più famosa del cinema internazionale. 


Il duo nasce nel 1921, quando Stan e Oliver si conoscono sul set del film Cane fortunato, ma il vero e proprio sodalizio si forma nel 1927 e resiste fino al 1951, passando attraverso oltre 100 film e scrivendo indubbiamente pagine importantissime nella storia del cinema italiano.


I due attori si completavano a vicenda; le loro comiche sono replicate ancora oggi e fanno ancora ridere. 
Nei film Oliver Hardy sembra "quello che sa", che dirige il gioco, che comanda, ma in realtà era Stan Laurel il vero genio della coppia. Si deve però ad Hardy il famoso sguardo in camera, a cercare lo sguardo (e la comprensione) degli spettatori.

Curiosità: gli strampalati accenti del doppiaggio si devono agli stessi attori, che, dovendo ri-recitare i loro film in diverse lingue, sbagliavano le pronunce di alcune parole. Siccome faceva molto ridere, questo linguaggio rimase anche nei doppiaggi classici. 


Ne parlerà WikiRadio Oggi di martedì 18 aprile, in onda alle 11:30.

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

"Dal fonografo al microsolco": l'addio a Gianni Boncompagni e i soldati



Si aprirà con un ricordo di Gianni Boncompagni la nuova puntata di "Dal fonografo al microsolco", la trasmissione storica di Radio Il Discobolo condotta da Sandro Alba e Massimo Baldino.

La puntata è dedicata alle canzoni con protagonisti i soldati.
Tra i brani in scaletta, la celeberrima 'O surdato 'nnamurato, brano del 1915, tra i più famosi in lingua napoletana, scritto da Aniello Califano e musicato da Enrico Cannio.
Il brano, che a Napoli è diventato un vero e proprio inno, racconta la tristezza di un soldato che al fronte, durante la I Guerra Mondiale, pensa alla sua donna lontana. 'O surdato 'nnamurato è stata cantata da tutti i più grandi interpreti della musica napoletana e non solo, da Massimo Ranieri a Roberto Vecchioni.
L'interpretazione più famosa (e una delle più intense) è sicuramente quella di Anna Magnani che nel film "La sciantosa" ne offre una versione molto sofferta e vicina al reale significato del testo.

Massimo e Sandro vi aspettano:

- martedì ore 10
- mercoledì ore 14:30
- giovedì ore 18
- venerdì ore 21

Intanto, però, vi offriamo una piccola anteprima...


www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

"Randagio on the air", Luca Fagioli legge... l'amore.



Nelle prossime puntate di "Randagio on the air" Luca Fagioli ci parlerà d'amore.

Lunedì 17 legge "Folle d'amore" della grande poetessa milanese Alda Merini.



Martedì 18 ci proporrà invece una sua creazione, "La forza dell'amore". 

Quindi... innamorati/e di tutto il mondo, non perdetevi le prossime puntate di "Randagio on the air", in onda ogni sera alle 22:50.



domenica 16 aprile 2017

"Gianni per me è stato molto importante": Renzo Arbore ricorda Gianni Boncompagni



All'età di 84 anni è morto a Roma Gianni Boncompagni.

Conduttore radiofonico, paroliere, autore e regista televisivo nato ad Arezzo, da solo o assieme all'amico e collega Renzo Arbore ha inventato un modo nuovo di fare radio: Bandiera gialla, Chiamate Roma 3131 e, soprattutto, Alto gradimento i suoi successi tra il 1965 e il 1976. 


Il ricordo di Renzo Arbore che nel pomeriggio è andato nella casa dell'amico per far visita ai familiari e che ha parlato del rapporto che li legava da oltre 50 anni."Gianni per me è stato molto importante. Ci conoscevamo da 55 anni, abbiamo fatto prima la radio, poi la televisione e abbiamo continuato sempre a frequentarci e scambiarci opinioni. Lui mi insegnava tante cose e io gli insegnavo quello che sapevo - ha aggiunto - Ci siamo sempre intesi, non abbiamo mai litigato, ci siamo divertiti moltissimo e adesso non ci divertiamo più" .

Fonte: www.rainews.it 

Maria Giovanna Elmi "La clessidra"



Esclusiva intervista di Giacomo Schivo alla fatina Maria Giovanna Elmi nella nuova puntata della sua "Clessidra".


Attiva soprattutto tra il 1968 e il 1988, è stata una signorina buonsera, ha condotto due edizioni del Festival di Sanremo e recitato in alcuni film. La sua popolarità è calata un po' negli anni Novanta, ma la partecipazione al reality "L'isola dei famosi" nel 2005 l'ha rilanciata sul piccolo schermo. 
Nella sua carriera ha inciso diversi dischi.

Cosa racconterà al nostro Giacomo?

Per scoprirlo, seguite "La clessidra":

- lunedì alle 18
- venerdì alle 10
- sabato alle 14:30





Charlie Chaplin a WikiRadio Oggi



Il 16 aprile 1889 nacque a Londra Charlie Chaplin.
Attore, regista, musicista, sceneggiatore, l'inventore della maschera di Charlot, morì in Svizzera il 25 dicembre 1977.

Uscito indenne dal passaggio muto/sonoro, Charlie Chaplin è considerato uno dei cineasti più influenti del XX secolo, autore di oltre 90 film (di cui scriveva anche la musica).
Immortale e ancora attualissimo, tra i tanti, il capolavoro "Tempi moderni", metafora dell'alienazione industriale. 

Chaplin venne a lungo osteggiato negli USA, in piena lotta anticomunista, per le sue idee, e costretto a restare in esilio in Europa per 20 anni, tra gli anni '50 e gli anni '70.
La censura politica, però, lo aveva già colpito ai tempi del "Grande dittatore", nel 1940, il suo manifesto anti-nazista che venne vietato, in Europa, in periodo di guerra dall'autorità nazifascista. 

Di Charlie Chaplin, considerato un vero e proprio genio del cinema mondiale, parlerà WikiRadio Oggi di lunedì 17 aprile.
Vi ricordiamo che la trasmissione va in onda ogni giorno alle 11:30.




sabato 15 aprile 2017

La grande prosa: "Gigi", di Colette



Domenica e lunedì, alle ore 21, ritorna l'appuntamento con la grande prosa.

L'opera che trasmetteremo questa settimana è tratta da "Gigi", romanzo breve di Colette, scritto nel 1942 e uscito a puntate nel settimanale "Présent" e, nel 1944, edito da "La Guilde du Livre", a Losanna.
La storia è ambientata nel 1899, durante la Belle Epoque.

Dal romanzo sono stati tratti adattamenti teatrali, cinematografici e televisivi.
La versione che vi proponiamo è del 1960 e ha, tra gli interpreti, Romolo Valli, Rossella Falk e Anna Maria Guarnieri. 

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Varietà Varietà, anche Edith Piaf nella nuova puntata



Gigi Proietti, Delia Scala, Lando Buzzanca, Renato Rascel, Raimondo Vianello, Paolo Stoppa, Rina Morelli, Rossella Falk e Carlo Giuffrè; Edith Piaf, Gianni Togni, I Tempos, Gianni Nazzaro, Katty Line e Demis Roussous sono i protagonisti della puntata di "Varietà Varietà" che andrà in onda domenica 16 alle ore 10 e sabato 22 alle 18. 

A proposito di Edith Piaf vi segnaliamo l'articolo di qualche giorno fa, scritto da Fabrizio Bordone e uscito qualche giorno fa sulle nostre pagine: I trionfi e le tragedie di Edith Piaf.



La rivista "Tempo presente" a WikiRadio Oggi



ll 15 aprile 1956 esce il primo numero di Tempo presente, rivista di politica e arte fondata da Ignazio Silone.
Definita come "terza via" rispetto alle contrapposizioni culturali del tempo, assunse posizioni politiche indipendenti su temi internazionali, come la critica al maccartismo.

La prima serie uscì fino al 1968; ne esiste poi una seconda serie, che ha iniziato le pubblicazioni nel 1980.

Ne parlerà WikiRadio Oggi di domenica 16 aprile, in onda alle 11:30.

Luca Fagioli legge Luca Fagioli e Pablo Neruda



Ogni sera, alle 22:50, Luca Fagioli ci tiene compagnia prima della notte con la sua trasmissione, "Randagio on the air".

Sabato 15 ci proporrà una sua opera, dal titolo "Non si può".

Domenica 16 sarà il turno del grande Pablo Neruda e della sua "Corpo di donna".

Vi aspettiamo!

venerdì 14 aprile 2017

Enzo Forcella, Maria Giovanna Elmi e "Gigì" nella nuova settimana del Discobolo


Radio Il Discobolo vi farà compagnia anche a Pasqua.
Inizia domenica la nuova settimana: tante gli appuntamenti sulle nostre frequenze.

Per "La clessidra" ascolteremo un'intervista alla fatina Maria Giovanna Elmi e per "Un secolo fa..." una a Enzo Forcella, scrittore, giornalista e storico romano, vissuto tra il 1921 e il 1999, vincitore del Premio Bagutta nel 1975.

WikiRadio Oggi parlerà, tra gli altri, del genio del cinema Charlie Chaplin e di una delle coppie più divertenti di tutti i tempi, Stanlio e Ollio.

Luca Fagioli, che come sempre ci accompagnerà verso la notte, interpreterà brani di Pablo Neruda, Paulo Cohelo, Alda Merini, Charles Bukowski e suoi.

Ascolteremo anche gli inizi di Federico Fellini alla radio... vi aspettiamo!