Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

sabato 26 novembre 2016

Accadde Oggi: nel 1922 nasce Charles Schulz

Il 26 novembre 1922 nasceva Charles Schulz.
Fumettista statunitense, è famoso in tutto il mondo per essere l'ideatore dei Peanuts.



Appassionato di disegno fin da bambino, ha combattuto durante la Seconda Guerra Mondiale, è stato insegnante e predicatore laico di una Chiesa protestante; dal 1947 è diventato disegnatore di professione.
Il successo arriva tre anni dopo, con i Peanuts, appunto: le avventure del cane Snoopy e di tutti i suoi amici (il buono Charlie Brown, la petulante Lucy, il piccolo Linus che non si separa mai dalla sua coperta) iniziano a essere pubblicate il 2 ottobre 1950. 

Schulz continuò a pubblicare le sue strisce fino al 1999: si congedò dal suo pubblico facendo parlare Snoopy:

 « "Cari amici,
ho avuto la fortuna di disegnare Charlie Brown e i suoi amici per quasi cinquant'anni. È stata la realizzazione del sogno che avevo fin da bambino. Purtroppo, però, ora non sono più in grado di mantenere il ritmo di lavoro richiesto da una striscia quotidiana. La mia famiglia non desidera che i Peanuts siano disegnati da qualcun altro, quindi annuncio il mio ritiro dall'attività. Sono grato per la lealtà dei miei collaboratori e per la meravigliosa amicizia e l'affetto espressi dai lettori della mia "striscia" in tutti questi anni. Charlie Brown, Snoopy, Linus, Lucy... non potrò mai dimenticarli...
Charles Schulz" »
Schulz muore pochi mesi dopo, il 12 febbraio del 2000.
Ci restano le sue strisce, innumerevoli, pubblicate per 50 anni senza interruzioni, storie a misura di bambino; gli adulti, infatti, non compaiono mai, se non nei racconti dei piccolo protagonisti.
Nel giugno 2000 Schulz è stato insignito della Medaglia d'oro del congresso, con la seguente motivazione: «Il nostro paese deve molto a Charles Schulz. La sua arte comica ha cambiato la cultura americana e illuminato la vita di milioni di americani. Questa cerimonia di oggi offre un modo tangibile, per il nostro paese, di esprimere un grazie a un vero e grande americano.»




Nessun commento:

Posta un commento