Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

lunedì 18 settembre 2017

Autunno in letteratura, cinema, arte, musica... qualche consiglio per voi



L'autunno è veramente alle porte; è una stagione che può indurre malinconia, un po' per la fine dell'estate, un po' per le giornate grigie, a volte piovose. 
Per Radio Il Discobolo però rappresenta la ripresa delle trasmissioni e il blog vi vuole accompagnare proponendovi libri, film, poesie... tutto ciò che è legato a questa stagione di colori meravigliosi, odore di funghi e caldarroste... 

Pronti per questo nuovo viaggio?

Vi proponiamo oggi un racconto di Stephen King, "Il corpo", tratto dalla raccolta "Stagioni diverse", uscito nel 1982.

"Il corpo", racconto appunto dedicato alla stagione autunnale, vede come protagonisti alcuni ragazzini (il tema dell'amicizia tra bambini/adolescenti è molto caro a King) che vivono la fine dell'estate giocando a carte in una casa sull'albero. Un giorno decidono di andare a vedere il corpo di un loro coetaneo, morto mentre raccoglieva mirtilli e iniziano un viaggio...
La fine dell'estate coincide, nel caso di questi ragazzini, con la fine dell'infanzia e della loro amicizia. 

Il racconto, riconosciuto come una delle opere più belle di King, nel 1986 è diventato un film, diretto da Rob Reiner: "Stand by me. Ricordo di un'estate", che rese noto al grande pubblico l'attore River Phoenix, che aveva solo 16 anni e che morì tragicamente nel 1993. 



Non ho mai più avuto amici come quelli che avevo a 12 anni. Gesù, ma chi li ha?

sabato 16 settembre 2017

Accadde Oggi: nel 1977 muore la Divina


Il 16 settembre 1977 moriva a Parigi la soprano Maria Callas, che era nata il 2 dicembre 1923 a New York da genitori greci.

La Callas, soprannominata la Divina, è (secondo le vendite dei dischi) la cantante lirica più famosa al mondo. 
Particolarmente famosa è la sua interpretazione di "Casta Diva", aria tratta dalla Norma, di Vincenzo Bellini. 


Di lei il regista Franco Zeffirelli, che più volte la diresse, ha detto che "esiste un prima Callas e dopo Callas"; il direttore d'orchestra Riccardo Muti ha dichiarato "Era quasi una persona immortale incarnata nell’arte lirica, è stata per il canto quello che Toscanini è stato per la direzione d’orchestra".

Forum del giornalismo musicale a Faenza il 30 settembre e 1° ottobre





FAENZA- Il giornalismo musicale è in via di estinzione? Oppure sta diventando qualcosa di diverso? Di questo e molto altro si parlerà nella seconda edizione del Forum del giornalismo musicale, il 30 settembre e 1° ottobre nell'ambito del Mei a Faenza
Dalle riflessioni scaturite durante la prima edizione, che ha visto la presenza di più di 100 giornalisti, nasce l'intenso programma di quest'anno della due giorni, diretta sempre da Enrico Deregibus.

Sabato 30 settembre dalle 14.30 i giornalisti si incontreranno con varie figure professionali del mondo musicale. Si comincerà con due ospiti internazionali, ovvero i rappresentanti di WIN, l'associazione mondiale dei discografici indipendenti, e del distributore digitale Jamendo. A seguire ci saranno gli incontri con un ufficio stampa, Big Time di Roma, rappresentato da Claudia Felici e Fabio Tiriemmi, e con un artista, Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione. Altri appuntamenti sono in via di definizione.
Durante il pomeriggio verranno anche consegnate le Targhe Mei Musicletter, dedicate al giornalismo musicale sul web e votate dai giornalisti aderenti al forum. Andranno a Rockol, come “miglior sito”, e L’ultima Thule di Federico Guglielmi quale “Miglior blog personale”. Un premio destinato al “Miglior ufficio stampa” sarà consegnato invece a Big Time. Il Mei, in collaborazione con MusicaBuzz, darà inoltre a Rockol un premio speciale come “Sito musicale più influente d’Italia”.

Domenica mattina, 1° ottobre, dalle 9.30 ci sarà spazio per un corso per la formazione professionale continua dei giornalisti iscritti all'albo. Potranno partecipare come uditori anche i non iscritti. I relatori saranno Federico Guglielmi (su "Giornalismo musicale: professione, o solo hobby?"), Luca Dondoni (“La comunicazione nella musica”), Fabrizio Galassi (“Giornalismo digitale, mobile e personal branding”), Vincenzo Martorella (“Elementi di scrittura critica”). Iscrizioni su https://sigef-odg.lansystems.it/sigef/
Nel pomeriggio della domenica, dalle 14, si svolgerà infine una assemblea di tutti i partecipanti che si confronteranno sulla creazione di una associazione di giornalisti musicali e su altri temi sviluppati nella scorsa edizione.



Sono invitati a partecipare al Forum tutti i giornalisti interessati a portare il loro contributo, suggerimento o suggestione. 
Per aderire basta inviare una mail a: enrico.deregibus@gmail.com e in copia a mei@materialimusicali.it .


Per info: segreteria 0546.646012 . Sito: www.meiweb.it

Poesia festival 2017 dal 18 al 24 settembre in provincia di Modena




Dal 18 al 24 settembre la poesia sarà protagonista nei borghi antichi di nove comuni modenesi. Grandi autori, capeggiati dall'ospite straniero Willem Van Toorn, e giovani promesse testimonieranno la grande vitalità della poesia oggi. Insieme a loro, per citarne solo alcuni, Patrizia Valduga, Gianni D'Elia, Vivian Lamarque, Roberto Mussapi, Francesco Scarabicchi, Nino De Vita. Saliranno sui palchi anche artisti del calibro di Guccini, Griminelli e Morgan per oltre 30 eventi in sette giorni, tutti gratuiti


Ancora una volta il Poesia Festival invaderà pacificamente la provincia modenese che si adagia ai piedi del primo Appennino con la sua tredicesima edizione. Dal 18 al 24 settembre nove comuni del modenese saranno lo scenario per l'ormai tradizionale rassegna d'inizio autunno dedicata alla poesia e alle sue contaminazioni con le altri arti. Un coro di voci diverse che testimoniano quanto la poesia sia uno strumento prezioso e malleabile, in grado di parlare alle donne e agli uomini del nostro tempo. 

I poeti Patrizia Valduga, Willem Van Toorn, Vivian Lamarque, Gianni D'Elia, Roberto Mussapi, Francesco Scarabicchi, Silvia Bre, Rosita Copioli, Nino De Vita, Franco Arminio, artisti comeFrancesco Guccini, Morgan, Andrea Griminelli, Elisabetta Pozzi, Willie Peyote o grandi intellettuali come Massimo Cacciari e Sergio Zavoli concorreranno a dar voce al nostro tempo in una cornice che è uno dei grandi repertori di bellezza, arte, gastronomia ed eccellenze produttive del nostro Paese. 

Ad accendere le luci dei nove comuni modenesi coinvolti nel festival, mercoledì 20 settembre alle ore 21 al Teatro Fabbri di Vignola, una grande inaugurazione con la poetessa Patrizia Valduga che leggerà i suoi versi estrosi e multiformi; a seguire la lezione magistrale del filosofo Massimo Cacciari che rifletterà a tutto tondo sui rapporti tra la poesia e le altre arti; chiuderà la serata il concerto di uno dei flautisti più celebrati del mondo, Andrea Griminelli,accompagnato dal chitarrista Andrea Candeli. Nella sua carriera Griminelli ha suonato al fianco di stelle del calibro di Luciano Pavarotti, Sting, Andrea Bocelli ed Elton John. 

Altro appuntamento da non perdere è l'incontro previsto per venerdì 22 settembre sempre a Vignola alle 17 e 30, intitolato“Dialogo sulla poesia europea” che avrà per protagonisti il massimo poeta olandese, Willem Van Toorn e il nostro Sergio Zavoli. A loro il compito di confrontarsi su un tema scottante e attuale come quello dell'Europa, del suo passato e del suo futuro e di rispondere alla domanda se esista o no una poesia europea che unisce i popoli e le lingue al di là delle frontiere, leggendo anche i loro testi.

Poi toccherà alla canzone d'autore e al rap “d'autore” raccontare il fil rouge con la poesia; lo faranno Francesco Guccini eMuburutu, il rapper più letterario d'Italia, sempre venerdì 22 settembre a Castelfranco Emilia alle ore 21. Linguaggi diversi, tra tradizione e innovazione, alla ricerca di nuovi ritmi e stili che cercheranno di fare il punto sul rapporto fra poesia a musica oggi. Ancora rap, questa volta più cinico e ironico, con il concerto di Willie Peyote previsto sabato 23 settembre a Castelnuovo Rangone. 


Il rapporto fra la musica e la parola sarà protagonista anche nella domenica conclusiva del festival, dedicata a “John Lennon. La musica, l'arte, la poesia”. Si parte al pomeriggio con la conversazione fra il giornalista di Repubblica Michele Smargiassi eAntonio Taormina, curatore dell'antologia di scritti di John Lennon “Immagina” che raccoglie brani di prosa, poesia e disegni tratti dagli unici due libri pubblicati in vita da John Lennon, scritti mentre i Beatles stava diventando un fenomeno culturale planetaria. A seguire, il gruppo di attori che da anni accompagna Claudio Longhi farà una lettura scenica tratta da “Immagina”, dando vita a un mondo fantastico, grottesco, a volte malinconico, capace di accendersi di rabbia e tenerezza e di lasciarsi contaminare dagli echi della politica, dell'amore e della musica. Chiuderanno la serata e saluteranno l'edizione 2017 di Poesia Festival, i Beatbox, la cover band dei Beatles più famosa d'Europa che farà rivivere l'energia esplosiva del quartetto di Liverpool non solo con le note musicali ma anche con gli strumenti d'epoca e i vestiti dei quattro baronetti, nel cinquantesimo anniversario di “Sgt. Pepper”. 

Sempre fra musica e parola si colloca anche la conversazione fra Morgan e il giornalista del Resto del Carlino Leo Turrini,prevista sabato 23 a Vignola. Ad aprire una serata che si annuncia imperdibile sarà il poeta Gianni D'Elia con letture di poesie dedicate alla nostra nazione, “All'Italia: poesie civili da Dante a oggi”. Poi toccherà al vulcanico cantante e musicista italiano, fondatore dei Bluvertigo, suonare e cantare e raccontare il suo rapporto con l'Italia, con il mondo dello spettacolo, con la parola. Sempre Leo Turrini, nell'antemprima di lunedi 18 settembre a Castelnuovo Rangone, racconterà la vita del Drake e l'epica della velocità nella poesia italiana del Novecento assieme ai poeti Bertoni, Alperoli, Rentocchini e al critico letterario Galaverni.

Dallo scorso anno si rinnova l'appuntamento ‘al femminile' con le autrici italiane di poesia: quest'anno, sabato 23 a Levizzano, toccherà a Silvia Bre, Nina Nasilli e Luigia Sorrentino per la prima volta su un palco insieme. Un'altra donna protagonista al Poesia Festival sarà Vivian Lamarque, sempre lo stesso giorno a Castelnuovo Rangone, poetessa in grado di toccare corde profonde e vive in tutti noi grazie al suo percorso dentro alle tematiche familiari. 

E ancora, poesia dialettale di alto livello quella che sarà di scena a Levizzano Rangone sabato 23, grazie al siciliano Nino De Vita, al trevigiano Fabio Franzin e al brianzolo Dome Bulfaro. Quest'ultimo sarà anche il maestro di cerimonia per una novità del Poesia Festival 2017, il campionato italiano di Slam Poetry, “Castelli Poetry Slam” che avrà per protagonisti Nicolas Cunial, Eugenia Gallim Sergio Garau, Francesca Gironi, Simone Sovogin, Julian Zhara. Sarà il pubblico a decretare il vincitore di questa forma poetica, nata dalla strada come il rap, che utilizza una recitazione a ritmo serrato.

Chiudiamo questa carrellata sulla manifestazione con un importante appuntamento intitolato “L'Alzheimer: la malattia, la cura, l'amore, la poesia”, che vuole indagare la dimensione sanitaria, sociale e anche poetica di un male dei nostri giorni. A questo incontro tra scienza e poesia, tra dolore e ricordi, parteciperanno il presidente della società italiana di Gerontologia e Geriatria,Marco Trabucchi, il giornalista Michele Farina, autore del libro “Quando andiamo a casa? Mia madre e il viaggio per comprendere l'Alzheimer. Un ricordo alla volta”, Franca Grisoni, curatrice dell'antologia “Alzheimer d'amore. Poesie e meditazioni su una malattia” e i poeti Vivian Lamarque, Alberto Bertoni e Davide Rondoni. 

   

mercoledì 13 settembre 2017

San Miniato Movie, tutto pronto per il gran finale





Manca ormai davvero poco al gran finale di questa prima edizione. Tutto è pronto per ospitare i finalisti di questo festival che è riuscito a conquistare il suo spazio nel panorama nazionale delle manifestazioni dedicate al cortometraggio. 
Ringraziamo l'Amministrazione comunale di San Miniato e quella della Provincia di Pisa per la fiducia accordata, e tutti coloro che hanno creduto e permesso di realizzare questo progetto.


Ecco il programma:

15,30 - Presentazione del libro "Il ciclone quando passa" con gli autori Enrico Zoi e Philippe Chellini, coordina l'incontro la scrittrice Donatella Stefanini.

- Saluto del Sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini 

- Anteprima del Cortometraggio "La Nonna" di Niki Giustini, per la regia di Graziano Salvadori

- Inizio proiezioni cortometraggi finalisti categorie "Booktrailer" "Videoclip" "Fiction" 

- Presentazione fuori concorso dell' ultimo cortometraggio #Gerda di Alessandro Haber 

- Consegna del "Premio alla Carriera" 

- Presentazione Accademia "Le Muse" di Gianna Martorella. 

- Premiazione vincitori e menzioni speciali. 

Saranno presenti personaggi del mondo del cinema, della televisione, giornalisti, scrittori e autori TV.

Presentano Alessandro Gelli e Nika Speranza.


L'evento viene trasmesso in diretta sulla pagina facebook di SMART Television


L'ingresso è gratuito.


Tra i videoclip finalisti, sarà presente "Fuori controllo", di Francesco Tartarini. 


martedì 12 settembre 2017

Accadde Oggi: nel 1966 disco d'oro per "Yellow Submarine"



Il 12 settembre 1966 "Yellow Submarine" dei Beatles riceve il disco d'oro per il milione di copie vendute. 
Si trattava di un singolo considerato a "doppio lato A"; l'altra canzone era "Eleanor Rigby" ed era nei negozi da poco più di un mese. 



Nel 1969 "Yellow Submarine" è diventata la colonna sonora dell'omonimo film di animazione del quartetto di Liverpool.




domenica 10 settembre 2017

Anna Monteverdi al convegno "Robotica e Teatro" a Pisa




PISA- Anna Monteverdi ricercatrice di Storia del Teatro e docente di Discipline dello Spettacolo  all'Accademia di Macerata interverrà al Festival della Robotica organizzato dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

"Lunedì 11 settembre a Palazzo blu dalle 15,30 si terrà all'interno del Festival un convegno internazionale su Robotica e Teatro e porterò alcuni esempi di macchine teatrali tecnologiche, prendendo come punto di riferimento l'artista canadese Robert Lepage su cui sto terminando sia una nuova monografia che un documentario televisivo. Sono onorata di essere chiamata a un evento così importante dato il prestigio della Scuola Sant'Anna e le importanti sperimentazioni dei suoi ricercatori nell'ambito della Robotica applicata ai diversi campi. Il Teatro contemporaneo si è aperto all'uso della tecnologia, della realtà aumentata, dell'interattività e anche se le produzioni sono ovviamente più costose, le sperimentazioni in questa direzione stanno dando esiti davvero sbalorditivi. Spero di poter portare qualche evento di teatro tecnologico alla Spezia per rinnovare il tessuto teatrale cittadino".


venerdì 1 settembre 2017

Accadde Oggi: nel 1960 muore Mario Riva



Il 1° settembre 1960 morì a Verona Mario Riva.
Il popolare conduttore, che era nato a Roma nel 1913, era caduto 10 giorni prima, il 21 agosto, precipitando dal palcoscenico durante la serata finale del "Festival del Musichiere", all'Arena di Verona. 

Al suo funerale, che si celebrò a Roma, presero parte 250.000 persone.
Riva era molto amato dal pubblico e la sua morte suscitò grande commozione. 

"Il Musichiere" è stato il primo quiz musicale televisivo e andò in onda dal 1957 al 1960, per un totale di 90 puntate. Il programma ha ispirato il film "Domenica è sempre domenica", interpretato da Alberto Sordi nel ruolo di un concorrente della trasmissione. Nel film compare anche Riva nel ruolo di se stesso. 

(Foto Jaqen)


Festival della Letteratura di Mantova, gli appuntamenti



Giovedì 7 settembre ore 19.00 
Palazzo Te - Piazza Esedra 
Alessandro Carrera e Jordi Sierra i Fabra con Giorgio Signoretti 
DUE VOCI PER DYLAN
Libro: Bob Dylan (DeA)

Giovedì 7 settembre ore 21.15 
Piazza Leon Battista Alberti 
VOCABOLARIO EUROPEO. La parola (d)agli autori 
coordina Matteo Motolese 
Lars Mytting - dal norvegese, medrivende: trascinante 
Mercedes Lauenstein - dal tedesco, Schwermut: malinconia 
Libri: Norwegian wood (UTET) - Sedici alberi (DeA Planeta) NOVITÀ 2017

Venerdì 8 settembre ore 10.15 
Conservatorio di Musica Campiani 
Lars Mytting con Davide Longo
IL PROFUMO DI LEGNO FRESCO
Libri: Norwegian wood (UTET) - Sedici alberi (DeA Planeta) NOVITÀ 2017

Venerdì 8 settembre ore 18
Archivio di Stato - Cortile
Jennifer Niven e Nina LaCour con Luigi Ballerini e Vera Salton
LA MORTE È UNA STORIA DA RACCONTARE

Sabato 9 settembre ore 16.45
Archivio di Stato - Cortile
Jennifer Niven con Federico Taddia
AL DI LÀ DELLO SGUARDO

 www.festivalletteratura.it

mercoledì 23 agosto 2017

"Anna Magnani. Biografia di una donna" a San Felice Circeo



SAN FELICE CIRCEO- Mercoledì 30 agosto Matteo Persica presenterà a San Felice Circeo il suo libro "Anna Magnani. Biografia di una donna" (Edizioni Odoya). 
Appuntamento alle 21:30 presso i Giardini Vigna la Corte.


La storia inizia il 26 settembre 1973 con la morte di Anna Magnani e la folla assiepata dinanzi alla clinica, pronta a buttare a terra il cancello pur di vederla un'ultima volta. I ricordi di chi l'ha conosciuta si susseguono, mentre ai suoi funerali tutta Roma si riversa per le strade del corteo, bloccando il centro della città. L'immagine è toccante: qualcuno piange, molti battono le mani, e c'è perfino chi invoca la sua beatificazione. Eppure veniva sempre descritta come una persona torva e con un caratteraccio da far tremare i polsi anche ai più coraggiosi. «Chi era Anna Magnani?» è una domanda che ci coglie impreparati. Così, con un salto nel tempo, torniamo all'ultima estate della sua vita rimettendo in ordine le sue parole e i suoi pensieri, cercando di far luce nella sua personalità, grazie a un dialogo con l'attrice. Si avrà la sensazione di assistere a un vero e proprio «incontro», ricostruito attenendosi a fatti e dichiarazioni documentati in ogni minimo particolare, frutto di una lunga ricerca. Saranno le sue parole a introdurre ogni fase della sua vita e a darne, ove è possibile, dei giudizi. Dalla storia della sua famiglia materna all'infanzia; dai primi passi sul palcoscenico alle prime esperienze più significative; dal cinema al Premio Oscar; dall'amore per i suoi uomini al rapporto con il figlio. Al termine della lettura sapremo chi è stata Anna Magnani, grazie alle sue parole e a quelle di chi l'ha conosciuta da vicino.

giovedì 17 agosto 2017

Nuova pagina: Pina Renzi



Vi informiamo che è on-line sul nostro sito una nuova pagina, quella dedicata a Pina Renzi, all'esordio attrice di teatro e cinema e in seguito anche cantante.
Nata nel 1901 e scomparsa nel 1984, ha avuto un nipote, Riccardo Mantani Renzi (1930-2013), che è stato attore e doppiatore. 

Trovate la biografia (curata da Simone Calomino) e la discografia al seguente link: www.ildiscobolo.net/biografie

venerdì 11 agosto 2017

Accadde Oggi: nel 2014 muore Robin Williams



L'11 agosto 2014 moriva, all'età di 63 anni, l'attore americano Robin Williams.

Era arrivato al successo, dopo il teatro,  tra la fine degli anni Settanta e l'inizio degli Ottanta interpretando il simpatico alieno Mork nella fortunata serie "Mork e Mindy".
Ma è con il ruolo del professor Keating nel film "L'attimo fuggente" del 1989 che diventa uno degli attori più famosi e amati di Hollywood. Nel 1998 vince il Premio Oscar come miglior attore non protagonista per "Will Hunting. Genio ribelle", in cui recita accanto a Matt Damon.

Interprete versatile, capace di passare da ruoli comici a drammatici, da film per famiglie a thriller, Williams aveva un passato da tossicodipendente, diversi problemi di salute alle spalle e nell'estate del 2014 aveva scoperto di essere malato di una patologia neurodegenerativa, spesso associata al Parkinson, che gli avrebbe lasciato pochi anni di vita e che causa allucinazioni. Per questo decise di togliersi la vita.

Noi lo ricordiamo così, in uno dei ruoli più intensi che abbia mai interpretato.











martedì 8 agosto 2017

Accadde Oggi: i Beatles ad Abbey Road



Compie 48 anni una delle foto più famose al mondo: l'8 agosto 1969 Iain MacMilan riprende i Beatles sull'attraversamento pedonale di Abbey Road. Sarà la copertina del disco omonimo che uscirà il 26 settembre dello stesso anno. 



La foto.
La foto alimenta da sempre la leggenda della presunta morte di Paul Mc Cartney. Il celebre Beatle, infatti, sarebbe morto tre anni prima in un incidente stradale e sostituito con un sosia. Secondo le teorie del complotto, i Beatles avrebbero "sparpagliato" indizi dappertutto per rivelare la morte di Paul, in particolare qui. Il gruppo attraversa la strada in fila, e gli abiti indossati dai quattro suggerirebbero secondo alcuni una processione funebre: apre John completamente vestito di bianco (sacerdote o forse angelo), Ringo con un sobrio completo nero che potrebbe far pensare al portatore della bara, Paul a piedi scalzi, con gli occhi chiusi, tiene la sigaretta con la destra pur essendo mancino (c'è però da dire che anche in una foto scattata nel 1964, perciò prima della presunta morte, e pubblicata nell'album Beatles for Sale, Paul tiene una sigaretta con la mano destra); e infine George in jeans e clarks potrebbe far pensare al becchino in abiti da lavoro per scavare la fossa. Paul, inoltre, è l'unico dei Beatles fuori passo rispetto agli altri, forse a simboleggiare la sua estraneità al vero gruppo. (fonte: Wikipedia)

In merito alle notizie sulla sua morte, Paul Mc Cartney ha dichiarato (con vero humor inglese): « Sono vivo e sto bene, e non mi interessa delle voci sulla mia morte. Ma se fossi morto, sarei stato l'ultimo a saperlo. »

80 anni di Dustin Hoffman

Il "laureato" più famoso del mondo compie oggi 80 anni!



Dustin Hoffman è stato il maratoneta, l'uomo da marciapiede, RainMan... e, tra gli altri, uno splendido Capitan Uncino in "Hook" (nel 1991 diretto da Steven Spielberg): ha vinto due volte il Premio Oscar come Miglior attore proagonista (nel 1980 per "Kramer contro Kramer" e nel 1989 per "RainMan. L'uomo della pioggia").

AUGURI, DUSTIN! 


domenica 6 agosto 2017

Addio al Maestro Bruno Canfora



Salutiamo Bruno Canfora, celebre direttore d'orchestra, arrangiatore, paroliere e compositore scomparso venerdì 4 agosto all'età di 92 anni.



sabato 5 agosto 2017

Accadde Oggi: nel 1962 muore la diva Marilyn



Il 5 agosto 1962 muore, all'età di 36 anni, la diva Marilyn Monroe. 
Vera icona di bellezza, attrice, cantante, modella e produttrice cinematografica, la Monroe venne ritrovata morta nel suo appartamento: causa della morte è probabilmente un'overdose di barbiturici. 
Le reali cause del suo decesso, però, non sono mai state del tutto chiarite. 


L'unica certezza è che Norma Jeane Baker rimane, a 55 anni dalla sua morte, un mito incancellabile. 


giovedì 3 agosto 2017

"La mente del chitarrista": il libro senza editore conquista il web



Se l'editoria è in crisi, forse il web può aiutare a risollevarla. Soprattutto quando un libro diventa espressione di una community numerosa come quella di “Chitarrafacile”: oltre 100.000 persone che ogni giorni di scrivono, si confrontano e costruiscono solidi rapporti di amicizia condividendo la passione da “non professionisti” per la chitarra.

Il libro in questione è “La Mente del Chitarrista”, di David Carelse, con prefazione di Andrea Braido, uno dei chitarristi più talentuosi del panorama musicale italiano, tornato ad esibirsi proprio pochi giorni fa sul palco di Vasco Rossi. Un libro auto-pubblicato, senza promozioni pubblicitarie, che in un mese ha venduto centinaia di copie e che resta saldo nella “Top20” per la categoria musica di Amazon.

David Carelse è uno dei “fenomeni del web”: già consulente di web marketing, ha poi unito le sue due più grandi passioni, chitarra ed internet, in un unico lavoro, proponendo online corsi innovativi, molto pratici, che permettono anche a chi pensa di essere negato, di poter cominciare a suonare la prima canzone molto semplice anche dopo solo la prima ora.

Ma il libro non parla solo di come imparare a suonare la chitarra, ma anche di come la pensano David e le migliaia di persone che lo seguono, per questo “La mente del chitarrista” è anche un percorso di condivisione, di passione e di impegno, impegno duro.

Forse è per questo che il libro è piaciuto tanto, non solo per le vendite, ma per la decine di condivisioni sui social e di recensioni piene di entusiasmo. In verità “La mente del chitarrista” non è un manuale per imparare a suonare la chitarra, ma per imparare a farcela, ad impegnarsi, a sfidare se stessi. La chitarra è certo ciò che ci accumuna, ma la protagonista del libro è la passione. - ha dichiarato David Carelse - Superare gli ostacoli della mente, il pessimismo di chi ti dice che non riuscirai mai, ecco il primo passo per imparare davvero a suonare. Ma anche per imparare davvero a vivere, a combattere per quello in cui si crede.”.

Suonare la chitarra rende le persone migliori e migliora la loro vita. Sembra una esagerazione, ma è davvero così: innanzitutto perché riuscire in una impresa che magari si desidera fin da ragazzi, è una pratica straordinaria per la propria autostima, e fa stare meglio di molte sedute dallo psicologo, costando anche molto meno! Poi perché la chitarra è uno strumento “sociale”, facile da trasportare, perfetto per una serata in spiaggia o a casa di amici. Contribuisce insomma anche a vincere una certa timidezza, a creare rapporti sociali ed amicizie.

Un libro insomma per tutti, anche perché secondo David “Il talento innato non esiste” (e se esiste fa la differenza solo ad altissimi livelli, non per chi vuole strimpellare o semplicemente divertirsi a suonare le proprie canzoni preferite).


La mente del chitarrista
Autore David Carelse
ISBN | 978-88-92610-93-4
Youcanprint Self-Publishing

Per acquisti:
 

mercoledì 2 agosto 2017

"Anna Magnani. Biografia di una donna" a Roma, a "Letture d'estate"



Matteo Persica presenta il suo libro Anna Magnani. Biografia di una donna di Matteo Persica (Odoya Edizioni) a Letture d’Estate. Interviene Mariano Sabatini.
L'appuntamento è per martedì 8 agosto, alle 21:30, a Roma, nei Giardini di Castel Sant'Angelo.



La storia inizia il 26 settembre 1973 con la morte di Anna Magnani e la folla assiepata dinanzi alla clinica, pronta a buttare a terra il cancello pur di vederla un'ultima volta. I ricordi di chi l'ha conosciuta si susseguono, mentre ai suoi funerali tutta Roma si riversa per le strade del corteo, bloccando il centro della città. L'immagine è toccante: qualcuno piange, molti battono le mani, e c'è perfino chi invoca la sua beatificazione. Eppure veniva sempre descritta come una persona torva e con un caratteraccio da far tremare i polsi anche ai più coraggiosi. «Chi era Anna Magnani?» è una domanda che ci coglie impreparati. Così, con un salto nel tempo, torniamo all'ultima estate della sua vita rimettendo in ordine le sue parole e i suoi pensieri, cercando di far luce nella sua personalità, grazie a un dialogo con l'attrice. Si avrà la sensazione di assistere a un vero e proprio «incontro», ricostruito attenendosi a fatti e dichiarazioni documentati in ogni minimo particolare, frutto di una lunga ricerca. Saranno le sue parole a introdurre ogni fase della sua vita e a darne, ove è possibile, dei giudizi. Dalla storia della sua famiglia materna all'infanzia; dai primi passi sul palcoscenico alle prime esperienze più significative; dal cinema al Premio Oscar; dall'amore per i suoi uomini al rapporto con il figlio. Al termine della lettura sapremo chi è stata Anna Magnani, grazie alle sue parole e a quelle di chi l'ha conosciuta da vicino.


martedì 1 agosto 2017

"D'autore e d'amore": la musica d'autore a Bordighera



Manca ormai pochissimo alla quarta Rassegna “D’Autore e d’Amore”, che si svolgerà a Bordighera il 3, 5 e 6 Agosto 2017 alle ore 20:45 presso i Giardini Lowe. 

Scrive l'Associazione "Aspettando Godot": "prosegue così il nostro impegno a tutela culturale della Storica Canzone d'Autore, dalle figure ancora in auge a quelle che il mondo musicale, i media e il mercato hanno ingiustamente abbandonato da molto tempo".



Questo il programma:

Nella serata del 3 Agosto dal titolo “Bordighera in Progressive”, si potrà assistere ai concerti di Tito Schipa jr, Delirium e Alter Echo String Quartet.

Il 5 Agosto si proseguirà con i concerti dei Musici di Francesco Guccini, i Musicisti storici di Claudio Lolli e Michele Gazich (accompagnato alla chitarra acustica da Marco Lamberti). 

Il 6 Agosto si chiude con l’attesissimo concerto di Angelo Branduardi, in duo con Maurizio Fabrizio. Apre la serata come ospite d’onore Renzo Zenobi.


L’accesso ai concerti avverrà con un costo dei biglietti davvero minimo ed estremamente popolare. Questo bellissimo evento sarà dunque alla portata di tutti per esplicita volontà dell'associazione ‘Aspettando Godot’, composta da semplici appassionati e che non persegue fini di lucro. 

Info concerti sul sito web


Aggiornamenti sulla  pagina facebook


lunedì 31 luglio 2017

Cefalonia, Il Dolore Di Quei “Dodicimila Figli Di Mamma” In Un Libro Di Vincenzo Di Michele



Cefalonia è un’isola greca in cui la guerra, fino alla caduta del Fascismo e all’armistizio, non era praticamente arrivata. Ma nel 1943 cambiò tutto e, con il passaggio dell’esercito italiano da una parte all’altra degli schieramenti bellici, Cefalonia divenne il teatro di una delle stragi di guerra più efferate. I soldati tedeschi, infatti, trucidarono migliaia di ex alleati, ora nemici. Quanti furono a morire, non si sa di preciso. E non è questo che interessa a Vincenzo Di Michele, scrittore, che nel suo romanzo storico “Cefalonia, io e la mia storia”, (Edizioni Il Cerchio) vuole farci vivere in prima persona i giorni dell’inferno.



E lo fa interpellando in prima persona un ipotetico lettore curioso e, a tratti, perplesso o critico riguardo alla narrazione. Una narrazione che ripercorre i fatti storici, ma visti con gli occhi di chi, questa tragedia, l’ha vissuta (quasi) in prima persona. Protagonista della storia è lo zio Clorindo, partito ventenne per la guerra e mai più tornato; mai considerato morto, ma disperso a Cefalonia. Per ragioni anagrafiche, lo scrittore non ha mai conosciuto lo zio Clorindo di persona, ma solo attraverso qualche foto e i racconti della famiglia, soprattutto della nonna che per anni ha aspettato il ritorno dell’amato figlio, guardando ansiosamente fuori dalla finestra. Anni di attesa vana, di preghiere, di foto dello zio escluse dalla ricorenza dei morti, perché guai a dire che Clorindo era morto, era solo disperso. 

L’attesa della famiglia di Clorindo era quella di migliaia di famiglie italiane, era quella del ritorno dei dodicimila figli di mamma, mandati a morire su un’isola greca. Il dolore della famiglia di Clorindo è quello di tutte le famiglie che hanno avuto un disperso, che non hanno nemmeno una tomba su cui piangere un figlio, un fratello, uno zio. Lo zio Clorindo, per sempre ventenne, unico nella sua famiglia ad avere quel nome (almeno da quel momento in poi) per un’altra madre, un’altra sorella, un altro padre, sarà Giorgio, Marco, Antonio… Il dolore, però, è lo stesso e la narrazione di Di Michele ce lo fa vivere come se anche noi fossimo in attesa di un Clorindo che non tornerà più. E siamo anche noi su un’isola greca, sotto il fuoco di mitragliatrici dei soldati tedeschi, soffocati dalla polvere, dalle urla, dall’odore del sangue.

Siamo tutti inconsapevoli e impotenti spettatori di una strage terribile, che si poteva evitare.


Addio a Jeanne Moreau

Lutto nel mondo del cinema: è scomparsa a 89 anni l'attrice francese Jeanne Moreau. Era nata a Parigi il 23 gennaio 1928. 


Jeanne Moreau è stata anche cantante e, nella seconda parte della sua vita, si è occupata di regia.
Il suo film più famoso, quello che l'ha consacrata diva internazionale, è "Jules e Jim", del 1962, in cui interpreta il ruolo di una donna contesa tra due amici: la regia era di Francois Truffaut e il film tratto dall'omonimo romanzo di Henry- Pierre Roché.


domenica 30 luglio 2017

Nuova pagina: Gisella Carmi


Vi presentiamo oggi una nuova pagina sul nostro sito, a cura del nostro collaboratore Simone Calomino: è quella dedicata a Gisella Carmi, cantante di operette degli anni Trenta. 





domenica 9 luglio 2017

Addio a Elsa Martinelli



Altro lutto nel mondo del cinema: è morta ieri a Roma l'attrice e modella Elsa Martinelli. Era nata nel 1935 a Grosseto. 
Inizia la sua carriera sfilando per lo stilista Roberto Capucci e diventa famosa in tutto il mondo, venendo notata dai registi più importanti: entra nel mondo del cinema negli anni Cinquanta e lavora molto anche per la televisione, dove compare l'ultima volta nel 2005 nella serie "Orgoglio". 

I funerali verranno celebrati martedì alle ore 11 a Roma, nella Chiesa di Santa Maria del Popolo. 


giovedì 6 luglio 2017

"Animavì", festival d'animazione a Pergola




PERGOLA- Si tiene nel centro storico di Pergola (Pesaro - Urbino) nel giardino di Casa Godio e in numerose altre location, dal 13 al 16 luglio 2017 - e con un preludio, il 12 luglio, dedicato al regista russo Alekandr Sokurov che riceve il Bronzo Dorato alla Carriera 2017 - la seconda edizione di ANIMAVÌ - Festival Internazionale del Cinema d’animazione poetico, con la direzione artistica del più importante regista italiano di cinema d’animazione, Simone Massi.

Tanti gli ospiti, dal disegnatore e regista Sergio Staino, all'attore e regista Marco Paolini - che porterà a Pergola in conferenza-spettacolo il suo Techno-Filò. Technology and me - agli attori Ninetto Davoli e Valentina Carnelutti, ai poeti Nino De Vita e Umberto Piersanti, ai tanti registi in concorso.
Ospite d'eccezione il Maestro svizzero Georges Schwizgebel, che ha realizzato la locandina del festival, regista di fama internazionale premiato nei festival di tutto il mondo, da Cannes ad Annecy, autore di oltre venti cortometraggi d’animazione (tra cui La Course à l’abîme; The Man with No Shadow; Romance; Jeu; Erlkonig), in cui applica una tecnica originale, artigianale, che consiste nel dipingere a mano ogni fotogramma, realizzando una pittura animata, di fatto opere d’arte dinamiche. A condurre le serate di Animavì, primo festival al mondo dedicato specificatamente all’animazione poetica e d’autore, Luca Raffaelli, giornalista, saggista, sceneggiatore e uno dei massimi esperti di fumetti e animazione in Europa.
Il programma completo al link www.animavi.org

A contendersi il Bronzo Dorato, prezioso trofeo artistico ispirato all'omonimo gruppo equestre di epoca romana e simbolo della cittadina marchigiana, saranno 16 opere di animazione provenienti da tutto il mondo, dall'Australia alla Svizzera – con “Aubade”, di Mauro Carraro - passando per l'italiano “Confino”, di Nico Bonomolo, che si avvale delle musiche di Gioacchino Balistreri, inserito nella long list per i Premi Oscar 2018 e candidato ai Globi d'Oro della Stampa Estera in Italia, ma anche lavori da Spagna, Francia, Russia, Cina, Corea del Sud, Polonia, Lettonia, Portogallo e Danimarca. La Croazia sarà rappresentata da “1000”, del fumettista e regista Danijel Žeželj.

Lavori che saranno giudicati dalla Giuria composta dallo scrittore e poeta Nino De Vita –autore, tra gli altri, del volume La casa sull'altura, illustrato da Simone Massi e pubblicato da Orecchio Acerbo; dal regista Georges Schwizgebel e dall'attrice e regista Valentina Carnelutti.

Il festival avrà un preludio, a ingresso gratuito, mercoledì 12 luglio, a partire dalle ore 21:00 presso il Borgo di Montalfoglio, a San Lorenzo in Campo, con la serata dedicata al regista russo Aleksandr Sokurov (Madre e Figlio; Moloch; Il Sole; Arca Russa; Faust - Leone D'Oro a Venezia 2011), che il festival si onora di premiare con il Bronzo Dorato alla Carriera 2017. A seguire, la proiezione del suo ultimo lungometraggio, Francofonia. Quindi gli ospiti musicali, il gruppo Hombre all’ombra, lo spettacolo di circo e magia muto, ma tutt'altro che silenzioso, del gruppo L’abile teatro e un incontro speciale, con reading, con Valentina Carnelutti.

Il giorno successivo giovedì 13 luglio alle ore 16:00 presso la Libreria Guidarelli si inizierà con la presentazione del libro 'Là sotto nell'inferno: da Pesaro a Marcinelle' alla presenza dell'autore, Marco Labbate. Quindi, in collaborazione con il settimanale Film TV, media partner del festival, incontro con gli autori in concorso. La serata nel giardino di Casa Godio – a pagamento - ha inizio alle ore 20:00 con Le Memorie Vive, a cura del regista Filippo Biagianti, con i racconti di Duilio e con ospiti Valentina Carnelutti e il regista svizzero Georges Schwizgebel, che sarà omaggiato con una retrospettiva dei suoi lavori. A seguire la proiezione dei film in concorso Waiting for the new year , di Vladimir Leschiov (Lettonia); Myo-A, di MinJi Kang (Corea del Sud); Peripheria, di David Coquard-Dassault (Francia) e Mr Sand, di Soetkin Verstegen (Danimarca/Belgio). Il concerto serale sarà all'insegna del rock alternativo, indie e psichedelico del duo Comaneci.

Il programma di venerdì 14 luglio ha inizio alle ore 16:00 presso la Libreria Guidarelli con la presentazione dei lavori realizzati durante il workshop Animani, quindi l'incontro con gli autori in concorso a cura della redazione di Film TV e la sera, nel giardino di Casa Godio, Le Memorie Vive incontrano i racconti di Livio, con ospiti il disegnatore Sergio Staino e il poeta dialettale Nino De Vita, di cui saranno lette opere scelte. Quindi, la proiezione dei corti in concorso: Amore d'inverno, di Isabel Herguera (Spagna/Italia); The poem, di Xi Chen (Cina); 1000, di Danijel Žeželj (Croazia); Fugue for cello, trumpet and landscape, di Jerzy Kucia (Polonia); Summer 2014, di Wojciech Sobczyk (Polonia) e Soot, di David Doutel e Vasco Sá (Portogallo). Protagonista musicale della serata, il gruppo di ricerca e canto popolare La Macina.

Sabato 15 luglio alle ore 10:30, presso l'Officina Giovani di Pergola, la premiazione del miglior autore in mostra della Scuola del Libro di Urbino, alla presenza di Bianca Maria Pia Marrè, Luca Raffaelli, Julia Gromskaya e Sergio Staino. Quindi, alle ore 17:30, presso il teatro Tiberini di San Lorenzo in Campo, incontro con il fumettista, disegnatore e regista Sergio Staino, in occasione della presentazione di una selezione di opere della sua mostra 'Bestie, Bestiacce & Bestioni'. 
La serata del festival nella consueta, splendida cornice del giardino di Casa Godio, si apre alle ore 20:00 con la conferenza-spettacolo teatrale Tecno-Filò. Technology and Me, di e con l'attore e regista Marco Paolini. Quindi, la proiezione dei corti in concorso A photo of me, di Dennis Tupicoff (Australia); Brutus, di Svetlana Filippova (Russia); My Grandfather was a Cherry Tree, di Olga e Tatiana Polietkova (Russia); Confino, di Nico Bonomolo (Italia); Bao, di Sandra Desmazieres (Francia) e Aubade, di Mauro Carraro (Svizzera). La serata sarà accompagnata dalla musica – rigorosamente acustica – dei The Morsellis.

L'ultima giornata del festival – domenica 16 luglio – si apre alle ore 10:30 presso Palazzo Bruschi con la tavola rotonda su 'Il Cinema di Animazione Poetico', a cura della redazione di Film Tv con il direttore della rivista, Giulio Sangiorgio e Pierpaolo Loffreda, Georges Schwizgebel, Anna Shepilova e i registi in concorso. 
Alle ore 12:00 la degustazione dei prodotti tipici di Pergola, a cura della Pro Loco. Quindi, alle 17:30 presso il Giardino Botanico di Fonte Avellana a Serra di Sant'Abbondio, reading, sotto il grande tasso secolare, con il poeta Umberto Piersanti. La serata del festival nel giardino di Casa Godio si apre alle ore 20:00 con Le Memorie Vive in compagnia di Veraldo, quindi l'omaggio all'attore pasoliniano per eccellenza, Ninetto Davoli (Il Vangelo Secondo Matteo; Uccellacci e Uccellini; Teorema; Partner; Casotto). A seguire, le premiazioni dei film in concorso, il tutto con la musica del cantautore e chitarrista Luigi Grechi.

Le giornate del festival a Casa Godio prevedono anche l’area #fuorifestival a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, con aree street food e musica di dj e concerti. Nella serata del 12 invece verrà organizzata una “cena sul mantile” nel borgo di Montalfoglio ad aprire la serata.

La ricca offerta del festival prevede anche dei workshop dedicati all'animazione poetica: da quello organizzato da Animani (30 giugno presso la Libreria Guidarelli prenotazioni libreriaguidarelli@valcesano.com) al “Laboratory of Poetic Animation” che sarà tenuto dalla regista russa Anna Shepilova, vincitrice dell’edizione 2016 di Animavì e che si terrà al Castello della Porta di Frontone, dal 10 al 15 luglio (per prenotazioni animavi@opera-coop.it). Il workshop è realizzato in collaborazione con la prestigiosa Scuola del Libro di Urbino, che ha rafforzato il sodalizio con il festival e aggiunge questa ulteriore forma di collaborazione al concorso biennale dedicato alla sezione di 'Cinema di Animazione' che si tiene all’interno del festival ogni 2 anni. Tre, quindi, le mostre del festival: presso l'Officina Giovani di Pergola, la Mostra dei lavori della sezione Disegno animato e Fumetto Scuola del libro di Urbino, quindi, presso Fisiosan, sempre a Pergola, la mostra delle opere di Simone Massi e presso il Foyer del teatro Tiberini di San Lorenzo in Campo la selezione di opere della mostra 'Bestie, Bestiacce & Bestioni', di Sergio Staino.

Animavì – che vanta il supporto di numerose figure di spicco della cultura e dell’arte, insieme a contadini, minatori, ex emigranti e partigiani - vuole soprattutto rappresentare a livello internazionale il “cinema d’animazione artistico e di poesia”, quel genere di animazione indipendente e d’autore che si propone di raccontare per suggestione, prendendo le distanze in maniera netta dall’animazione mainstream.

Animavì è un evento realizzato grazie all'organizzazione di Mattia Priori, Leone Fadelli, Silvia Carbone e dall'associazione culturale Ars Animae. Il festival ha partnership di Libera.mente Fano onlus; Urbino-Scuola Del Libro; Retina comunicazione; L'Image cinema video comunicazione; Madesign. Forte della Medaglia di riconoscimento del Presidente della Repubblica, il festival ha il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri; Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Regione Marche; Provincia di Pesaro e Urbino; dei Comuni di Pergola, San Lorenzo in Campo, Frontone e Serra Sant’Abbondio; Accademia del Cinema Italiano Premio David di Donatello; SNGCI - Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani; ASIFA Italia; Fondazione Marche Cultura. Main sponsor del festival: ETS Engineering SpA; Noctis SpA; Feluca Viaggi; Eidos Consulting Srl; BCC Pergola; Fisiosan Fisioterapia e Polispecialistica. Media partner: Film TV

Biglietti

Gli eventi del #fuorifestival sono a ingresso gratuito, le serate nel giardino di Casa Godio (Pergola) sono a pagamento, con biglietti acquistabili in loco e su www.liveticket.it/animavifestival e con possibilità di abbonamento a tutte le serate.


Per maggiori informazioni



Musica e Amnesty: esce "Voci per la libertà"



In prossimità della 20a edizione di Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty, esce la compilation dello scorso anno del festival nato nel 1998 per sostenere con Amnesty International la Dichiarazione universale dei diritti umani grazie al potere della musica.
Sedici i brani nella compilation della 19 edizione, che parte dai vincitori assoluti: Edoardo Bennato con “Pronti a salpare” (Premio Amnesty International Italia 2016) e Do’Storieski con “Tuto a contrari” (Premio Amnesty International Italia Emergenti 2016) e prosegue con l’alternarsi degli ospiti e degli artisti finalisti del concorso: The Sun, A Tea Whith Alice, Piotta, Cloud, Bussoletti, Statale 107 bis, Il Geometra Mangoni, il Quarto Imprevisto e Adolfo Durante. 

L'anteprima del Cd è disponibile in streaming sul sito ufficiale della manifestazione, a questo indirizzo: www.vociperlaliberta.it.

La nuova edizione sarà da giovedì 20 luglio a domenica 23 luglio, a Rosolina Mare (RO). Una quattro giorni di suoni e diritti che riesce a mettere in scena proposte artistiche in grado di fare riflettere e divertire, lasciando che siano bellezza ed emozione a lavorare al fianco di Amnesty International nella promozione dei diritti umani.

Si tratta di una tappa importante nella storia della manifestazione: questa edizione è la 20esima ed il festival è entrata a far parte di una rassegna più ampia, “Arte per la Libertà”. Arte per la Libertà è un grande contenitore, nato in collaborazione con DeltArte, che unisce creatività e diritti umani coinvolgendo location uniche della Provincia di Rovigo, per dare vita ad un calendario ricco di eventi, fra musica, arte, cinema e teatro. 
Il clou di Arte per la Libertà è appunto Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty, la quattro giorni di Rosolina Mare: grandi ospiti si alternano sul palco insieme a band emergenti da tutta Italia in concorso per il “Premio Amnesty International Italia Emergenti”, dedicato ai migliori brani legati alla Dichiarazione universale dei diritti umani.

Un evento fortemente sostenuto da Amnesty International in grado di fare riflettere e divertire, dove creatività ed emozione riescono a toccare il cuore delle persone su temi importanti quali uguaglianza e rispetto. Durante i giorni del Festival verrà promossa la nuova campagna "Coraggio", per fermare l'ondata di attacchi contro i difensori e le difensore dei diritti umani. La campagna, che sarà portata avanti da tutte le sezioni di Amnesty International nel mondo, chiede il riconoscimento e la protezione di coloro che difendono i diritti umani, così come la possibilità che possano operare in un ambiente sicuro. Chi difende i diritti umani sta subendo un assalto globale senza precedenti a causa della repressione contro la società civile e del crescente impiego della sorveglianza.

“Voci per la libertà” è un’iniziativa di: Associazione Voci per la Libertà – Amnesty International Italia – Comune di Rosolina. 
Con il sostegno di: “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” – CGIL Veneto – CISL Padova Rovigo – Pettenon Cosmetics – Gruppo Polis - ITALPIZZA. 
Con la collaborazione di: Provincia di Rovigo – ReteEventi – Parco Delta Po - Pro Loco Rosolina – DeltArte- Meeting degli Indipendenti - Rete dei Festival - Musica nelle Aie - Grafiche Nuova Tipografia – Studioartax. 
Media Partner: Rai Radio7 Live – Freakout - La scena - Radio Siani – FunnyVegan - L’isola che non c’era – Mescalina - Radio Libera Tutti - Radio Popolare – Rumore - OPS Group - Radio 41 – ViaVaiNet – REMweb

Tutto il ricco calendario è consultabile sul sito: www.vociperlaliberta.it