martedì 23 aprile 2024

Novità In libreria: la drammaturgia di Simona Semenic, a cura di Anna Monteverdi e Martina Parri




Esce in libreria il volume Mi senti? Raccolta antologica dei testi della drammaturga slovena contemporanea Simona Semenič  (Lubiana,1975) tradotta per la prima volta in Italia e pubblicata da Editoria e Spettacolo (collana Percorsi).
Il volume è parte di una ricerca svolta all'interno del Dipartimento Beni culturali e ambientali dell'Università Statale di Milano sulla drammaturgia al femminile.
La raccolta, a cura di Anna Maria Monteverdi e Martina Alessia Parri, è acquistabile on line sul sito della casa editrice.



Il volume propone per la prima volta all’attenzione dei lettori italiani, l’opera di una delle più brillanti e significative drammaturghe e performer europee, la slovena Simona Semenič (Lubiana 1975), definita “la Sarah Kane dei Balcani”. Attraverso la lettura dei monologhi Io, la vittima (2007), Dammi di più (2009), La seconda volta (2014) – raccolti nella trilogia Mi senti? (2017) – si entra non soltanto nel mondo dell’autrice, ma anche nel suo stesso corpo. Un corpo collettivo e autobiografico insieme, sospeso tra infinite autodiagnosi di malesseri fisici e accorati sentimenti di indignazione sociale.
Un corpo sorprendente nella sua capacità continua di rinascita. La parola forza i limiti della pagina per trovare una via di fuga o qualcuno a cui raccontarsi. Mi senti? Me slišiš?

Martina Alessia Parri artista visiva e studiosa di Discipline dello Spettacolo, dopo un’approfondita ricerca svolta a Ljubjana, ci accompagna nella lettura della scrittura “carnale” di Simona Semenič, un’originalissima forma di monologo-performance da cui si evincono, tra analisi critica e autoironia, quei meccanismi di violenza sociale e subalternità subìti dall’autrice – tra realtà e autofinzione – che le hanno “assicurato” lo status di vittima.

Simona Semenič - scrive la curatrice Martina Alessia Parri - ha elaborato un nuovo tipo di scrittura teatrale che lei stessa definisce e concepisce come "scrittura o dramma performativo". Si tratta di un approccio assolutamente inedito alla testualità, che si costruisce integrando concezioni, approcci, pratiche, strategie discorsive e possibilità di espressione tipiche delle arti della scena e di altri campi artistico-culturali, per elaborare una scrittura dinamica, stilisticamente differenziata in termini di genere e strettamente legata al lavoro teatrale pratico. Una scrittura che trasforma il testo in un corpo fluido, vivo, capace di esprimersi e, col suo discorso, agire un atto performativo.”

Dalla traduzione di Martina Alessia Parri è stata tratta la versione teatrale di Io, la vittima interpretata da Valentina Lodovini per il Teatro Nazionale di Genova (stagione 2023-2024).


Simona Semenič (1975) è drammaturga, autrice, interprete, regista e docente. Si è diplomata all'Accademia di teatro, radio, cinema e televisione (AGRFT) di Lubiana, Slovenia. Ha ricevuto il Prešeren Fund Award, il più alto riconoscimento nazionale per la creazione artistica e ha vinto tre volte il Grum Prize, il premio nazionale per le migliori drammaturgie. Le sue opere teatrali sono state tradotte in venti lingue e sono state rappresentate in diversi paesi in Europa, Stati Uniti e Medio Oriente in Teatri Nazionali, in Centri di ricerca e in Festival internazionali.Da diversi anni collabora come drammaturga con il pluripremiato regista sloveno Tomi Janezic per il quale sta scrivendo dodici testi per Destin(y)ations, dodecalogo teatrale per GO! 2025 (Gorizia/Nova Gorica Capitale della Cultura 2025).
Vive a Lubiana con i suoi due figli.



Nessun commento:

Posta un commento

Finita la stagione radiofonica di Radio Il Discobolo, grazie a tutti.

  Anche per quest'anno è finita la stagione radiofonica di Radio Il Discobolo e dobbiamo ringraziare tutti voi, ascoltatori, che non ci ...