Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

domenica 13 dicembre 2015

Natale col Discobolo: quali canzoni sotto l'albero?

Nell'ottavo Natale del Discobolo abbiamo pensato di porgere i nostri auguri a tutti coloro
(pochi o tanti che siano) che in tutto quest tempo ci hanno seguito e incoraggiato
con così tanto affetto e attenzione.

Dunque eccoci qua a celebrare questo ottavo Natale insieme.
Ho pensato di riproporvi dal nostro archivio qualche disco adatto alla circostanza e proporvelo come nostro piccolo riconoscente omaggio per tutto il vostro calore e la Vostra amicizia dimostrateci.

Il primo"reperto" spazia abbastanza indietro nel tempo essendo datato 1943  (ma forse persino prima). In piena guerra l'Orchestra dell'EIAR diretta dal Maestro Spaggiari riuniva accanto a sé
i bimbi del coro di voci bianche  creato dall'emittente di Stato per la realizzazione dei programmi dedicati all'infanzia per la registrazione di un disco tutto natalizio di cui noi del Discobolo vi proponiamo un lato.



"L'Albero di Natale" firmata da Martelli introduce l'immancabile"Notte di Natale" particolarmente emozionante in questa versione anche considerato il momento storicamente molto cruento nel quale tale registrazione  è stata realizzata. Un omaggio, se mi permettete, anche a questi sfortunati bambini del '43 a cui inopinatamente e fuori da ogni polemica o falsa retorica, è stata"rubata l'infanzia".



Segue, con un salto in avanti di oltre sei anni, ancora un 78 giri della Cetra; questa volta la prestigiosa etichetta discografica di Via Arsenale a Torino accoppia una canzone natalizia della grande Nilla Pizzi, "Buon Natale"  incisa il  21-11-1950 che porta due firme famose come quelle di D'Anzi e Bracchi (matrice N.54416) con un'esecuzione affidata ai non meno noti Radio Boys :"Buon Natale a te", scritta da un ancora sconosciuto Leo Chiosso e incisa su matrice N.  54422. Il disco fu immesso sul mercato, allora particolarmente ingordo di prodotti di questo tipo, a tempo di record con numero di catalogo DC 5212 e fu con questa catalogazione riproposto per vari anni in successive ristampe (l'ultima nel 1957).








Certamente più ironica e scanzonata, come loro abitudine, la performance discografica della formazione capitanata da Renato Carosone. Siamo nel 1955 e scherzando sull'eterno momento di "vacche magre"sotto l'albero di Natale degli italiani risuona la dissacrante "Mo vene Natale" pubblicato dalla  "Pathè" con numero di serie MG 332.


Se ci perdonerete la licenza,anche noi ascoltando questa fresca e provocatoria canzoncina ci siamo permessi di confezionare un video altrettanto ironico e un po' dissacratorio.



Carosone tentò di bissare l'operazione tre anni più tardi affidando alla voce di Piero Giorgetti una canzone, questa volta di matrice tradizionale, ma i risultati furono notevolmente più modesti.


Tuttavia "Il Discobolo", recuperandola dal proprio grande archivio,  ha voluto riproporvela come un omaggio all'estrema duttilità dimostrata da Carosone in tutta la sua sfolgorante carriera.



Poi una canzone natalizia coniata proprio agli albori degli anni sessanta che lanciata tra gli altri da Gloria Christian su disco "Vis Radio.


E  vi vogliamo proporre la stessa canzone anche nella versione non meno commovente e bonaria del grande Mario Riva. Furono infatti questi gli ultimi auguri di Natale fatti al suo enorme ed affezionato pubblico dal grande presentatore romano.

Auguri affidati a un "flexi" 45 giri della rara e ricercatissima serie del settimanale "Il Musichiere".
Il Natale era quello del 1959. Mario Riva sarebbe venuto a mancare improvvisamente alla fine dell'estate del sessanta lasciando in tutto il suo pubblico un vuoto immenso.



E per finire... un Natale oltreoceano: un brano che risale agli anni '40 con il magico Bing Crosby affiancato dalle inossidabili sorelle Andrews.






Ecco amici: tutto qua.
Sperando di poterci ritrovare tra un anno su queste pagine web, dedicate alla musica leggera italiana, con ancora tanta voglia di trovare, riscoprire e riascoltare "nuovi" vecchi gioielli che il tempo passato e un po' di trascuratezza di chi di dovere ci avevano fatto dimenticare.

Ancora grazie dell'attenzione che continuate a riservarci e grazie a tutti i soci e collaboratori che tengono in vita questo progetto. 
Buon Natale e felice 2016!

(Massimo Baldino)

Nessun commento:

Posta un commento